29 agosto 2014

Male and female urinary incontinence: manual for patients

Incontinence and emotions
Many men and women who suffer from mild incontinence also lose confidence in themselves, with an inevitable negative effect on their quality of life.
In contrast to women, more accustomed to talking about their health problems, men are more reluctant to broach the subject, they tend to isolate themselves and change their lifestyle.
Discomfort to the sense of 'humiliation' is a short step.
Also because incontinence concerns that the collective bodies are associated with signs of masculinity and femininity in women.
So, for many people, this means discomfort, fear of loss of sensuality, strength, masculinity. Men and women with incontinence problems tend to radically change their habits: stop going to the gym, avoid organize travel, or seeing friends and even abstain from sexual activity with their partners, thus depriving themselves deliberately many of life's pleasures.

The pelvic floor rehabilitation, as well as change some behavioral habits, aims at strengthening muscle groups important to resume continence riabilitator.
The therapist will explain the basic concepts and exercises that you will find in this test for the purposes of a quick and lasting recovery. Your quality of life will improve and you will be happier.
The first step is not to hurry, but to be determined and constant.
Are you ready?
So ... have a Good Job!

Just reading this manual you will find a simple and sometimes not-medical terminology that was adopted on purpose, for the purpose of greater understanding for the patient.
Although easily understood, this guide should be performed prior explanation outpatient practice by the therapist.

Firt of all We must know that the pelvic floor muscles are at the base of the pelvis bone. Therefore, they must bear the full brunt of what lies above.
Beware, therefore, if you have some abdominal obesity, so-called "bacon", maybe it's time to lose weight!.

If you think of the pelvic floor, imagine all the little muscles that resting on the saddle of the bicycle.
The pelvic floor is like a trampoline braided superficial and deep layers that are at the base of your pelvis bone and it's supported by ligaments and fascial as a trampoline, which is supported by taut strings.
For women, entering the menopause, those strings, which are "hormone-dependent" break and the pelvic floor may have some dysfunction. In fact, menopause is a hormonal crash and then a collapse of support structures.

For men, after prostate surgery, those muscles must be used in a corret way.

What does "tighten" the muscles of the pelvic floor mean?
Tighten means contract, squeeze, pull inward, it is the opposite of relaxing.
If you use the glutes (your buttom muscles) to "tighten" the pelvic floor, you will reinforce some parts of them but only superficial muscles, but if you concentrate on only anal muscle or vaginal sex muscle, without tightening the buttocks, but tightening inward, as in "backwash", you will reinforce the wefts deepest of your pelvic floor.

When you are unable to hold urine and the amount of the loss is or a few drops or as an open faucet, the reason is that some details are not toned (strong) muscles or lack of them closing function.
Age, obesity and overweight, diabetes, thyroid malfunctioning, herniated disc, the parties or some surgical procedures such as radical prostatectomy, resection of the rectum, hysterectomy, hemorrhoidectomy, the fistulectomy ... can cause urinary incontinence, faecal incontinence, sexual problems or pelvic pain.


Basic Concepts

Every time I cling muscles of the pelvic floor, you need to Exhale ( throw out the air with your mouth). So, while the air intake (Inspiration), the pelvic floor muscles will be relaxed

If you will tighten the buttocks, at any time, even the abdomen (belly) will "go inside." And 'as if the belly and bottom were connected: one shrinks and shrinks the other. Do this several times, during normal activities of your day (squeeze your butt bringing your stomach in).

If the glutes are contracted, that is tight, the pubis is retroverted that is always facing up
The pubis is the third element that participates in the contraction of the buttocks.
Contracts buttocks, stomach in, pubis upward and muscles of the anus tight suction to
the inside is the secret (THE KNACK, the trick) to "close the tap defective."

If you suffer from constipation ruin even in a single thrust defecatory the work of muscle strengthening of a week. Talk to your therapist who will advise or possibly head to a proctologist.

The exercises that follow provide the transition from a supine position (belly up) to the prone (face down) and then standing and then sitting still and supine and prone again and so on ... In order to make the movements more times the most critical which are the movements and changes of position.

Exercises in supine, prone, sitting and standing
RELAX A BELLY UP, KNEES TO CHEST BENT. STANDING CROSS. HANDS ON KNEES. Shoulders relaxed. WORK ONLY WITH ANAL MUSCLE. 200 TIMES IN SUCCESSION. MEANS THAT YOU HAVE TO TIGHTEN A "SUCTION" SAY 'TO THE INTERIOR, THE ANAL little muscle, contracting it. YOU WILL HAVE TO DO IT SLOWLY. 2 SECONDS TO TIGHTEN AND TWO SECONDS TO MAKE, EVERY DAY INCREASING THE SECOND AND CONTRACTION IN SECONDS FOR DOUBLING relax him.

RELAX A BELLY UP WITH BENT LEGS. SUPPORTED feet apart. ARMS ALONG THE BODY. INHALE, THROW OUT THE AIR SLOWLY while tightening the buttocks, flattens BELLY BUT STILL SOFT. RAISE THE DOCK AT THE SAME TIME AS A BRIDGE AND KEEPING THE CONTRACTION IN THE BELLY IS LOCKED IN.
          Repeat 15 TIMES

A RELAXING LEG TESE. FEET AND ALTERNATE straddling. INHALE AND WHILE YOU THROW OUT THE AIR, THE BASIN RETROVERGERE (MEAN TO BRING THE PUBIC UPWARD WITHOUT RAISING THE BACK BUT crushing AGAINST THE PLAN IN WHICH YOU) muscoletto TIGHTENING THE GOOD ANAL AND MAINTAINING THE TUMMY IN. I GLUTEAL ARE CONTRACTS. REPEAT 10 TIMES WITH RIGHT LEG OVER AND 10 WITH THE LEFT OVER.

WALKING BACK AND FORTH IN PUNTA GLUTEAL KEEPING FEET AND TIGHT TUMMY IN. THROW OUT THE AIR WHILE WALKING. STOP TO INHALE. TRY TO RELAX YOUR BACK.

STILL STANDING IN FRONT OF A WALL POSSIBLY PUT YOUR HAND ON THE WALL FOR NOT MISS THE BALANCE. GO TO TOE FOOT tightening the buttocks AND KEEPING THE TUMMY IN. SHOULDERS ARE ALIGNED. BREATHE NORMALLY WITHOUT EVER THROW OUT IN THE BELLY. Back down 'WITH FEET AND AGAIN. 30-40 TIMES. TRY TO REMEMBER THE RULE: BELLY AND SEATING CONTRACTS ARE ALWAYS TOGETHER.

RELAXED A BELLY UP WITH LEGS EXTENDED, PUT THE RIGHT FOOT ON THE LEFT KNEE, A TEAM, TO KEEP THE ALIGNMENT OF THE BASIN AND MAKE ONE THE INSPIRATION AND AT THE SAME TIME THEN THE CONTRACTION The EXHALATION. I GLUTEAL ARE CONTRACTS. REPEAT 15 TIMES. TRY TO TURN UP THE BASIN DURING CONTRACTION. KEEP THE CONTRACTION FOR AT LEAST 15 SEC

Lie down to BELLY UP.
TAKE THE RIGHT KNEE TO CHEST WITH YOUR HANDS. INHALE, TIGHTEN AND ROTATE THE BASIN UP TO 15 SEC WHEN ESPIRA. VA THE LEG RESTRAINT IN THE CHEST. CHANGE THE LEG AND MAKE THIS YEAR 5 TIMES FOR LEG

TAKE BOTH LEGS TO MAKE THE CHEST AND ABOVE THE CONTRACTION. KEEP YOUR LEGS CHEST THROUGHOUT THE CONTRACTION. THE BELLY AND 'IN IN SOFT. MAKE THIS YEAR TO 5 TIMES

PUT A LEG OVER OTHER crossing them, LEGS ARE EXPANSES. MAKE THE CONTRACTION OF GLUTEAL AFTER TURNING THE BASIN AND INSPIRED THE BEST 'BE UP. ALWAYS IN BELLY IN. EXHALE ALOUD AT THE SAME TIME COUNTING UP TO 20.

LEGS AND KNEES BENT CLOSE. FEET SUPPORTED THE COUCH. TIE ONE ON KNEES ELASTIC IN ORDER TO KEEP THE UNITED. INHALE, INCUR THE PELVIC FLOOR AND RAISE THE BASIN TO THE BACK LITTLE arch. AT THE SAME TIME TO OPEN THE KNEES ELASTIC counterforce. RETAIN FOR 10 SECONDS throwing out LENTAMENTE..PANCIA ALWAYS CONSTANTLY IN THE AIR IN. Repeat 5 times.

A YEAR IN FEET LEGS A LITTLE 'apart. LEAN WITH YOUR BACK ON A WALL, REMEMBER TO GET UP IN THE PELVIC FLOOR MUSCLE CONTRACTION. Spread the legs (50 CM) INHALE DEEPLY. PUT YOUR HEAD ON THE WALL. INCUR THE PELVIC FLOOR. EXHALE SLOWLY AND DOWN A LITTLE BIT FOLDING KNEE RAISE WITHOUT HEELS BUT KEEPING THE CONTRACTION FOR 10 SEC .. THE LEANING BACK WITH FORCE DURING THE WALL BASIN RETROVERSION. THEN ASCEND IN FEET AND RELAX .. REPEAT FOR 15 TIMES. DURING THE CARS YOU MUST KEEP THE CONTRACTION.

SITTING IN A CHAIR. Spread the legs SLIGHTLY (50CM). Arms relaxed at THE BODY. INHALE, INCUR THE PELVIC FLOOR AND EXHALE SLOWLY WHILE KEEPING THE CONTRACTION FOR 15 SEC. CRUSH YOUR BACK ON THE BACK OF THE CHAIR HELPS THE BELLY introflex. RELAX THEN SLOWLY. REPEAT FOR 10 TIMES


BELLY DOWN ', cross the ankles FOLDING LEG HEIGHT OF THE KNEE, spread the KNEES. HANDS UNDER THE CHIN wring QUICKLY .. I GLUTEAL (OR THE ROW) INTROFLETTENDO ABDOMEN. FLUID AND SPONTANEOUS BREATH. NOT FORCED. REPEAT 50 TIMES. CAREFUL NOT TO PUSH WITH THE BELLY

IN FEET, HANDS TO THE SIDES, WALK FACING OUTWARD and spaced, KNEES BENT, RETROVERSION BASIN AND FAST anteversion. THE BREATH IS NOT 'FORCED. COUNT 50 TIMES .. (RETROVERSION = HUMP AND PUBIC FORWARD; anteversion = ROW WITH A DUCK back arched)

Onto the bed A BELLY UP WITH ARMS AND LEGS SEMIPIEGATE ALONG THE BODY, AND THEN WHILE INHALE ESPIRA, Spinning DOCK + KNEES ON THE RIGHT AND THEN LEFT slanting KNEES FROM TIME TO TIME TO RIGHT AND LEFT. TURN YOUR HEAD FROM THE OPPOSITE SIDE OF THE KNEES. REPEAT 10 TIMES. CAREFUL NOT TO LEAVE THE BELLY IN OUT. I GLUTEAL ARE ABLE TO KEEP THE NARROW ABDOMEN IN IN.

SITTING ON A CHAIR OR RELAXING IN BED WITH LEGS SEMIPIEGATE, TYING THE KNEES WITH AN ELASTIC, INHALE and separate your KNEES counterforce breathing out. REMEMBER TO TIGHTEN GLUTEAL OPEN WHILE THE KNEES. REMEMBER THAT THE ABDOMEN 'ALWAYS introverted. REPEAT 20 TIMES.

FLAT POSITION OF HAND BENT ELBOW IN THE EAR. KNEES BENT A SHELL 90 °. Huddled. INHALE, EXHALE AND PULL THE TUMMY IN, tightening the buttocks. REPEAT 5 TIMES FOR EACH SIDE. AIR COMES OUT OF THE MOUTH AND NOT BLOWING SO IMPERCEPTIBLE LOUDLY.

POSITION ON THE OTHER SIDE OF AN EXTENDED LEGS. UNDER ARM TO EAR. INHALE AND WHEN DO ESPIRA 20 SMALL CIRCULAR MOVEMENTS OF THE UPPER LEG. THE BELLY AND I ARE CONTRACTS GLUTEAL. KEEP THE ALIGNMENT OF THE BODY AND THE BALANCE ON THE SIDE. REPEAT ON THE OPPOSITE SIDE

BELLY UP LEGS EXPANSES. ESPIRA INHALE AND WHILE WEARING THE CHEST LEGS WITH FORCE. THEN RELAX ALL TAKING THE LEGS CHEST. SHARE THIS POSITION. INHALE reroute LEGS exhaling. RELAX.

Useful tips and essential advice to improve your condition:

Remove any type of absorbent overnight as soon as you will find
waking up with a dry diaper .
Lying down, there is pressure on the bladder and then you will not lose urine. Unless you're the tops, and sleeping deeply, turned left and right without thinking to withhold, you may lose a few drops for pushing the belly.

As I said before, the pelvic floor is affected by all the weight that is above him. Therefore, if you do not ever roll out during the day, at about 17 to 18 in the afternoon, you could lose more urine, due to excessive muscle fatigue that does not respond to contraction. (it is as if you are unable to keep the tap closed).
That is why it is important to rest after lunch.
Resting in a horizontal position (lying down) does not mean sitting down to rest. In fact, just sitting, the pelvic floor supports more weight. So lie means lying in bed or on the couch, maybe with your legs higher than the pelvic floor.

When you get up from a chair, slow down for a moment and think.
You must first inhale (ie take the air with the nose) then, while exhale and hold your abdomen (belly) in inside, you'll get up clutching his little muscle anal.

When you see that you can spend a few hours without getting wet, try to remove any absorbent. The attention so that you'll be doing your pelvic floor will be much greater. The diaper is also a psychological security that does not force you to think about the "little muscle to tighten."

If you are a man, try to urinate standing up and not sitting, to empty the bladder completely. also try to stay in front of the toilet after urination few seconds, breathing deeply and releasing the buttocks because you may find that you have more drops from empty.



Questions and Answers

You may wonder why the anus? The reason is that your faucet missing, close to the base of the penis, if you are men, or, under the clitoris, if you are a woman, and is directly connected to the anus.

Why do not you lose by sitting down?
Because the urethra (ie the groove from which the urine comes out) bends almost in half, closing the tap.

And if you have to do the heavy work?
Remember that every time your stomach will be "pushed out beautiful," that the abdominal muscles will contract, hard, will weigh on the pelvic floor, will be pushed down, ruining all your work for reinforcement.

And how can you do?
Always remembering to tighten the pelvic floor muscles before and during exercise, but always and only with your stomach in.









Incontinenza urinaria maschile e femminile: manuale per il paziente


Incontinenza ed emozioni


Molti uomini e donne che soffrono di incontinenza anche lieve perdono la fiducia in se stessi, con un inevitabile effetto negativo sulla loro qualità di vita.
Al contrario delle donne, più abituate a parlare dei loro problemi di salute, gli uomini sono più riluttanti ad affrontare l’argomento, tendendo a isolarsi e a modificare il proprio stile di vita.
Dal disagio al senso di ‘umiliazione’ il passo è breve.
Anche perché l’incontinenza riguarda organi che nell’immaginario collettivo sono associati a segni di virilità e nella donna di femminilità.
Quindi, per molti, questo disagio significa, paura della perdita di sensualità, forza, mascolinità. Gli uomini e le donne con problemi di incontinenza tendono a modificare radicalmente le proprie abitudini: smettono di andare in palestra, evitano di organizzare viaggi, di vedere amici e addirittura, si astengono dall’attività sessuale con il/la propria partner, privandosi così deliberatamente di molti piaceri della vita.
La riabilitazione del pavimento pelvico, oltre a modificare alcune abitudini comportamentali, mira al rinforzo di gruppi muscolari importantissimi per riprendere la continenza La terapista riabilitatrice vi spiegherà i concetti fondamentali e gli esercizi che troverete in questo libretto ai fini di una ripresa rapida e duratura. La vostra qualità di vità migliorerà e sarete più felici.
Il primo passo è non avere fretta, essere determinati e costanti.
Siete Pronti ?
Allora … Buon Lavoro !

Nella lettura di questo manuale troverete una terminologia semplice e a tratti non medica che è stata adottata di proposito, ai fini di una maggiore comprensione per il paziente.
Ogni esercizio però, anche se facilmente compreso, dovrebbe essere eseguito previa spiegazione ambulatoriale pratica da parte della terapista.

Bisogna innanzitutto sapere che i muscoli del pavimento pelvico stanno alla base del bacino osseo. Pertanto devono sopportare tutto il peso di ciò che ci sta sopra.
Attenti perciò se avete una certa obesità addominale . la cosiddetta “pancetta”, forse è il caso di perdere peso.

Se pensate al pavimento pelvico, immaginate a tutti i muscoletti che appoggiate sulla sella della bicicletta,
Il pavimento pelvico è come un tappeto elastico intrecciato di fibre superficiali e profonde che stanno alla base del vostro bacino osseo ed è sostenuto da legamenti e fasce come un tappeto elastico, che è sostenuto da corde tese .
Per le donne, all’entrata in menopausa, quelle corde, che sono “ormonodipendenti” si spezzano e il pavimento pelvico potrebbe presentare qualche disfunzione. In menopausa infatti c’è un crollo ormonale e quindi un crollo delle strutture di sostegno.

Per gli uomini, dopo un intervento alla prostata, quei muscoli vanno abituati ad essere usati per far fronte all’incontinenza.

Cosa significa “stringere” i muscoli del pavimento pelvico?
Stringere significa contrarre, strizzare, tirare verso l’interno, è il contrario di rilassare.
Se usate i glutei (cioè i muscoli del vostro sedere) per “stringere” il pavimento pelvico, rinforzerete alcune parti solo superficiali, se invece vi concentrate sul solo muscoletto anale o vaginale, senza stringere i glutei, ma stringendo verso l’interno, come a “risucchio”, rinforzerete le trame più profonde del vostro pavimento pelvico.

Quando non si riesce a trattenere l’urina e l’entità della perdita è o di poche gocce o come un rubinetto aperto, il motivo è che alcuni muscoletti particolari non sono più tonici (forti) o mancano della loro funzione di chiusura.
L’età, l’obesità e il sovrappeso, il diabete, la tiroide mal funzionante, l’ernia del disco, i parti o alcuni interventi chirurgici come la prostatectomia radicale, la resezione del retto, l’isterectomia, l’emorroidectomia, la fistulectomia… possono causare incontinenza urinaria, fecale, problematiche sessuali o dolore pelvico.


Concetti di Base

Ogni volta che stringerete i muscoli del pavimento pelvico, dovrete Espirare (cioè buttare fuori l’aria con la bocca). Quindi, durante la presa d’aria (Inspirazione), i muscoli del pavimento pelvico saranno rilassati

Se stringerete i glutei, in qualsiasi momento, anche l’addome (la pancia) dovrà introflettersi ovvero, “andare in dentro”. E’ come se la pancia e il sedere fossero collegati: si contrae uno e si contrae anche l’altro. Fatelo più volte, durante le normali azioni della vostra giornata (stringi il sedere portando la pancia in dentro).

Se i glutei sono contratti, cioè stretti, il pube è sempre retroverso cioè rivolto verso l’alto
Il pube è il terzo elemento che partecipa alla contrazione dei glutei (cioè del sedere) e all’introflessione della “pancia”.
Glutei contratti, pancia in dentro, pube verso l’alto e muscoli dell’ano stretti a risucchio verso
l’interno è il segreto (THE KNACK, il trucco) per “chiudere il rubinetto difettoso”.

Se soffrite di stitichezza rovinerete anche in una sola spinta defecatoria il lavoro di rinforzo muscolare di una settimana. Parlatene con la vostra terapista che saprà consigliarvi o eventualmente recatevi da un proctologo.

Gli esercizi che seguiranno prevedono il passaggio dalla posizione supina (pancia in su) a quella prona (pancia in giù) e poi in piedi e poi seduti e ancora supini e ancora proni e via così… Al fine di effettuare più volte i movimenti più critici che sono gli spostamenti e i cambi di posizione.

Esercizi in posizione supina, prona, seduta e in piedi

DISTENDERSI A PANCIA IN SU, GINOCCHIA AL PETTO PIEGATE. PIEDI INCROCIATI. MANI SULLE GINOCCHIA. SPALLE RILASSATE. LAVORARE SOLO CON IL MUSCOLETTO ANALE. 200 VOLTE CONSECUTIVE. SIGNIFICA CHE DOVETE STRINGERE A “RISUCCHIO”, CIOE’ VERSO L’INTERNO, IL MUSCOLETTO ANALE, CONTRAENDOLO. DOVRETE FARLO LENTAMENTE. 2 SECONDI PER STRINGERE E DUE SECONDI PER RILASCIARE, AUMENTANDO OGNI GIORNO I SECONDI IN CONTRAZIONE E RADDOPPIANDO I SECONDI PER RILASSARLO.

DISTENDERSI A PANCIA IN SU CON LE GAMBE PIEGATE . PIEDI DIVARICATI APPOGGIATI. BRACCIA LUNGO IL CORPO. INSPIRARE, BUTTARE FUORI L’ARIA LENTAMENTE MENTRE SI STRINGONO I GLUTEI, LA PANCIA SI APPIATTISCE MA RIMANE MORBIDA. ALZARE CONTEMPORANEAMENTE IL BACINO COME UN PONTE MANTENENDO LA CONTRAZIONE E LA PANCIA BLOCCATA IN DENTRO.
Ripetere 15 VOLTE

DISTENDERSI A GAMBE TESE. PIEDI ACCAVALLATI E ALTERNATI. INSPIRARE E MENTRE SI BUTTA FUORI L’ARIA , RETROVERGERE IL BACINO (SIGNIFICA PORTARE IL PUBE VERSO L’ALTO SENZA SOLLEVARE LA SCHIENA MA SCHIACCIANDOLA CONTRO IL PIANO IN CUI SIETE) STRINGENDO BENE IL MUSCOLETTO ANALE E MANTENENDO LA PANCIA IN DENTRO. I GLUTEI SONO CONTRATTI. RIPETERE 10 VOLTE CON GAMBA DX SOPRA E 10 CON LA SX SOPRA.

CAMMINARE AVANTI E INDIETRO IN PUNTA DI PIEDI MANTENENDO GLUTEI STRETTI E PANCIA IN DENTRO. BUTTARE FUORI L’ARIA MENTRE SI CAMMINA. FERMARSI PER INSPIRARE . CERCARE DI RILASSARE LE SPALLE.

FERMI IN PIEDI DAVANTI AD UNA PARETE , EVENTUALMENTE APPOGGIARE LA MANO SULLA PARETE PER NON PERDERE L’EQUILIBRIO. ANDARE IN PUNTA DI PIEDI STRINGENDO I GLUTEI E TENENDO LA PANCIA IN DENTRO. LE SPALLE SONO ALLINEATE. RESPIRARE NORMALMENTE SENZA MAI BUTTARE LA PANCIA IN FUORI. TORNARE GIU’ CON I PIEDI E RIPARTIRE. 30-40 VOLTE. CERCATE DI RICORDARE LA REGOLA: PANCIA E SEDERE STANNO SEMPRE CONTRATTI INSIEME.

DISTESO A PANCIA IN SU CON LE GAMBE ALLUNGATE , POSIZIONARE IL PIEDE DX SUL GINOCCHIO SX , A SQUADRA, MANTENERE L’ALLINEAMENTO DEL BACINO ED EFFETTUARE PRIMA L'INSPIRAZIONE POI LA CONTRAZIONE E CONTEMPORANEAMENTE L'ESPIRAZIONE. I GLUTEI SONO CONTRATTI. RIPETERE 15 VOLTE. CERCARE DI RUOTARE IL BACINO VERSO L'ALTO DURANTE LA CONTRAZIONE. TENERE LA CONTRAZIONE ALMENO PER 15 SEC

SDRAIARSI A PANCIA IN SU.
PRENDERE IL GINOCCHIO DX AL PETTO CON LE MANI . INSPIRARE, STRINGERE E RUOTARE IL BACINO VERSO L'ALTO PER 15 SEC MENTRE SI ESPIRA. LA GAMBA VA TRATTENUTA AL PETTO. CAMBIARE GAMBA ED EFFETTUARE QUESTO ESERCIZIO 5 VOLTE PER GAMBA

PRENDERE ENTRAMBE LE GAMBE AL PETTO ED EFFETTUARE LA CONTRAZIONE DESCRITTA SOPRA. TRATTENERE LE GAMBE AL PETTO DURANTE TUTTA LA CONTRAZIONE. LA PANCIA E’ IN DENTRO MORBIDA. EFFETTUARE QUESTO ESERCIZIO PER 5 VOLTE

METTERE UNA GAMBA SOPRA L'ALTRA INCROCIANDOLE, LE GAMBE SONO DISTESE. EFFETTUARE LA CONTRAZIONE DEI GLUTEI DOPO AVER INSPIRATO E RUOTARE IL BACINO IL PIU' POSSIBILE VERSO L'ALTO. PANCIA SEMPRE IN DENTRO. ESPIRARE CONTEMPORANEAMENTE CONTANDO A VOCE ALTA FINO A 20.

GAMBE PIEGATE E GINOCCHIA VICINE. I PIEDI APPOGGIATI AL LETTINO. LEGARE UNA BANDA ELASTICA SULLE GINOCCHIA IN MODO DA TENERLE UNITE. INSPIRARE, CONTRARRE IL PAVIMENTO PELVICO ED ALZARE IL BACINO FINO A INARCARE POCO LA SCHIENA. CONTEMPORANEAMENTE APRIRE LE GINOCCHIA CONTROFORZA ALLA BANDA ELASTICA. TRATTENERE PER 10 SECONDI BUTTANDO FUORI L'ARIA LENTAMENTE..PANCIA SEMPRE COSTANTEMENTE IN DENTRO. Ripetere 5 volte.

ESERCIZIO IN PIEDI A GAMBE UN PO’ DIVARICATE. APPOGGIARSI CON LE SPALLE AD UNA PARETE, RICORDANDOSI DI ALZARSI IN CONTRAZIONE DEI MUSCOLI DEL PAVIMENTO PELVICO. DIVARICARE LE GAMBE (50 CM) INSPIRARE PROFONDAMENTE. APPOGGIARE LA TESTA ALLA PARETE. CONTRARRE IL PAVIMENTO PELVICO . ESPIRARE LENTAMENTE E SCENDERE UN POCHINO PIEGANDO LE GINOCCHIA SENZA SOLLEVARE I TALLONI MA MANTENENDO LA CONTRAZIONE PER 10 SEC.. LA SCHIENA SI APPOGGIA CON FORZA ALLA PARETE DURANTE LA RETROVERSIONE DEL BACINO. POI RISALIRE IN PIEDI E RILASSARE.. RIPETERE PER 15 VOLTE . DURANTE LA RISALITA SI DEVE MANTENERE LA CONTRAZIONE.

SEDERSI IN UNA SEDIA . DIVARICARE LE GAMBE LEGGERMENTE (50CM). BRACCIA RILASSATE LUNGO IL CORPO. INSPIRARE, CONTRARRE IL PAVIMENTO PELVICO ED ESPIRARE LENTAMENTE MANTENENDO LA CONTRAZIONE PER 15 SEC . SCHIACCIARE LA SCHIENA SULLO SCHIENALE DELLA SEDIA AIUTA A INTROFLETTERE LA PANCIA. POI RILASSARE LENTAMENTE. RIPETERE PER 10 VOLTE


PANCIA IN GIU’ , INCROCIARE LE CAVIGLIE PIEGANDO LE GAMBE ALL’ALTEZZA DEL GINOCCHIO, DIVARICARE LE GINOCCHIA. MANI SOTTO AL MENTO.. STRIZZARE VELOCEMENTE I GLUTEI (OVVERO IL SEDERE) INTROFLETTENDO L’ADDOME. RESPIRO FLUIDO E SPONTANEO. NON FORZATO. RIPETERE 50 VOLTE. ATTENZIONE A NON SPINGERE CON LA PANCIA

IN PIEDI , MANI AI FIANCHI, PIEDI RIVOLTI VERSO L’ESTERNO E DISTANZIATI, GINOCCHIA PIEGATE, RETROVERSIONE DEL BACINO E ANTIVERSIONE VELOCI. IL RESPIRO NON E’ FORZATO. CONTARE 50 VOLTE.. (RETROVERSIONE = GOBBA E PUBE IN AVANTI ; ANTIVERSIONE= SEDERE A PAPERA CON SCHIENA INARCATA)

STENDERSI SUL LETTO A PANCIA IN SU CON LE GAMBE SEMIPIEGATE E LE BRACCIA LUNGO IL CORPO, INSPIRARE E POI MENTRE SI ESPIRA, ROTEARE IL BACINO+ GINOCCHIA A DX E POI A SX FACENDO PENDERE LE GINOCCHIA DI VOLTA IN VOLTA A DX E A SX. GIRARE LA TESTA DALLA PARTE OPPOSTA DELLE GINOCCHIA. RIPETERE 10 VOLTE. ATTENZIONE A NON LASCIARE LA PANCIA IN FUORI. I GLUTEI SONO STRETTI PER RIUSCIRE A MANTENERE L’ADDOME IN DENTRO.

SEDERSI SU UNA SEDIA O DISTENDERSI A LETTO CON LE GAMBE SEMIPIEGATE, LEGARE LE GINOCCHIA CON UNA BANDA ELASTICA , INSPIRARE E DIVARICARE LE GINOCCHIA CONTROFORZA ESPIRANDO. RICORDARE DI STRINGERE I GLUTEI MENTRE SI APRONO LE GINOCCHIA. RICORDARE CHE L’ADDOME E’ SEMPRE INTROFLESSO. RIPETERE 20 VOLTE.

POSIZIONE SDRAIATA DI LATO, GOMITO PIEGATO SOTTO L’ORECCHIO. GINOCCHIA PIEGATE A CONCHIGLIA A 90°. RANNICCHIATI. INSPIRARE, ESPIRARE E TIRARE LA PANCIA IN DENTRO, STRINGENDO I GLUTEI. RIPETERE 5 VOLTE PER OGNI LATO. L’ARIA ESCE DALLA BOCCA IN MODO IMPERCETTIBILE E NON SOFFIANDO RUMOROSAMENTE.

POSIZIONE DI LATO GAMBE ALLUNGATE UNA SULL’ALTRA. BRACCIO SOTTO ALL’ORECCHIO. INSPIRARE E MENTRE SI ESPIRA PRATICARE 20 MOVIMENTI PICCOLI CIRCOLARI DELLA GAMBA SUPERIORE . LA PANCIA E I GLUTEI SONO CONTRATTI. MANTENERE L’ALLINEAMENTO DEL CORPO E L’EQUILIBRIO SUL FIANCO. RIPETERE SUL FIANCO OPPOSTO

PANCIA IN SU GAMBE DISTESE. INSPIRARE E MENTRE SI ESPIRA PORTARE LE GAMBE AL PETTO CON FORZA. POI RILASSARE TUTTO TENENDO LE GAMBE AL PETTO. RIPARTIRE DA QUESTA POSIZIONE. INSPIRARE RISTENDERE LE GAMBE ESPIRANDO. RILASSARE.

Consigli utili e indispensabili per migliorare la vostra condizione:

Rimuovete ogni tipo di assorbente durante la notte non appena vi accorgerete
di svegliarvi con il pannolino asciutto..
In posizione sdraiata, non c’è pressione sulla vescica e quindi non si perde urina. A meno che non siate delle trottole, e, dormendo profondamente, girandovi a destra e a sinistra senza pensare a trattenere, potreste perdere qualche goccia per la spinta della pancia.

Come vi ho detto prima, il pavimento pelvico risente di tutto il peso che sta sopra di lui. Pertanto se non vi stendete mai durante il giorno, verso le ore 17- 18 del pomeriggio, potreste perdere maggiormente urina, a causa di una eccessiva stanchezza muscolare che non risponde alla contrazione. (è come se non riusciste a tenere il rubinetto chiuso).
Ecco perché dopo pranzo è importante riposare.
Riposarsi in posizione orizzontale (sdraiati) non significa riposarsi da seduti. Anzi, proprio da seduti, il pavimento pelvico sostiene maggior peso. Quindi stendersi significa distesi a letto o sul divano, magari con le gambe più alte rispetto al pavimento pelvico.

Quando vi alzate da una sedia, rallentate un attimo e pensate.
Dovrete prima inspirare (cioè prendere l’aria con il naso) poi, mentre buttate fuori l’aria e tenete l’addome (la pancia) in dentro, vi alzerete stringendo il muscoletto anale.

Appena vedrete che potete trascorrere alcune ore senza bagnarvi, cercate di rimuovere ogni assorbente. L’attenzione che dedicherete così al vostro pavimento pelvico, sarà decisamente maggiore. Il pannolino è una sicurezza anche psicologica che non vi costringe a pensare al “muscoletto da stringere”.

Se siete uomini, cercate di mingere in piedi e non seduti, per vuotare completamente la vescica. cercate anche di rimanere di fronte al water qualche secondo dopo la minzione, respirando profondamente e rilasciando i glutei, perché potreste accorgervi di avere altre gocce da vuotare.



Domande e Risposte frequenti

Vi chiederete perché l’ano? Il motivo è che il vostro rubinetto mancante, si chiude alla base del pene, se siete uomini , o, sotto al clitoride, se siete donne, ed è direttamente collegato all’ano.

Perché non si perde da seduti?
Perché l’uretra (cioè il canalino dal quale esce l’urina) si piega quasi a metà, chiudendo il rubinetto.

E se dovete fare dei lavori pesanti?
Ricordatevi che ogni volta che la vostra pancia sarà “spinta bella in fuori”, cioè i muscoli addominali saranno contratti, duri, graveranno sul pavimento pelvico , avverrà una spinta verso il basso, rovinando tutto il vostro lavoro di rinforzo.

E come si può fare?
Ricordandosi di stringere sempre i muscoli del pavimento pelvico prima e durante lo sforzo, ma sempre e solo con la pancia in dentro.










26 agosto 2014

Diarrea, diarrea e ancora diarrea: cosa mangiare ?


(tratto da Bioterapia Nutrizionale. D.Arcari Morini, A.D’Eugenio, F. Aufiero. Ed.RED,Milano 2004)
In questa fase patologica gravemente invalidante, per gli effetti che essa causa, le comuni terapie farmacologiche riescono ad attutire il problema e a renderlo più o meno sopportabile. Se si tratta di rettocolite ulcerosa, in alcuni casi, si arriva all’asportazione del tratto di colon infiammato, ma raramente i risultati sono soddisfacenti.
Con l’attenzione ai giusti alimenti riuscirete a documentare guarigioni anche definitive.
Parlatene con il vostro medico e poi provate.
Per l’azione fermentante e acidificante, l’apporto di carboidrati deve essere presente, ma ridotto. Le quantità devono essere simili a quelle utilizzate nella gestione alimentare del diabete, vale a dire 40-50 gr di pasta o riso. Si preferirà il riso nella fase di feci liquidissime.
Il pane, sempre sui 50gr, è preferibile tostato, poiché la tostatura abbatte il lievito in eccesso nella mollica, lo rende più digeribile, impegnando meno i succhi gastrici equindi lo stomaco, e migliorando la flora batterica che si gioverebbe del lievito in eccesso.

Si potrebbe iniziare con due toast. La proteina animale (prosciutto crudo o cotto) serve come ristrutturante per una mucosa intestinale fortemente lesa. Si potrà fare un secondo toast con del formaggio, che apporta una quota di calcio necessaria a frenare l’ipermotilità della muscolatura intestinale liscia.
Si potrà associare una spremuta di pompelmo per la vitamina C come cicatrizzante e coagulante, ricordando che, in queste situazioni, bisogna essere attenti a non proporre molti liquidi. Questi ultimi, in una persona che ha un transito eccessivo, diminuiscono fortemente il potere del succo gastrico, sapendo che non è mai la quantità fisiologica a creare danno, ma la sua riduzione o la sua concentrazione.

Fra l’altro, in situazioni come la rettocolite ulcerosa, si ha una difficoltà nell’assorbimento dei liquidi, per cui aggiungere liquidi a quelli già presenti nel lume intestinale, che vengono espulsi con le scariche diarroiche, non ha nessun senso terapeutico. Oppure meglio a piccoli sorsi, magari con del pane biscotto.
Diversa è la diarrea tossica, da virus intestinale. In questo caso i liquidi vanno assunti proprio per favorire la diarrea e quindi l’espulsione del virus o della sostanza tossica, magari associando dello zucchero all’acqua, per aiutare il lavoro detossicante del fegato.

I formaggi che si possono utilizzare sono quelli a fermentazione biologica con caglio naturale, come il parmigiano. Questo è capace di addensare la massa fecale semiliquida per il caglio che non è altro che un derivato dal contenuto dello stomaco essiccato di capretto o agnello da latte.

Normalmente già i due toast e una spremuta a colazione impediscono la scarica diarroica post prandiale.
Al pasto seguente prendete del riso bollito condito con olio, limone e uovo sodo, dove l’uovo rappresenta la quota proteica, l’olio ha azione lenitiva e sedativa della mucosa, oltre che ad essere ricco di vitamina E, il riso è un carboidrato e il limone un naturale antibatterico.
Si può aggiungere una mela cotta, come zuccheri disponibili. La melà sarà cotta per abbattere del tutto l’acidità (che aumenterebbe la peristalsi e stimolerebbe il pancreas alla produzione di succhi in eccesso favorendo ulteriore diarrea).
La mela deve essere cotta al forno, a secco, o in carta argentata per disidratarla al massimo.
Oppure può essere tagliata a piccoli pezzi per realizzare del vin brulè con la cannella e i chiodi di garofano. Questo avrà una potente azione antibatterica e disinfettante per l’intestino.
A colazione quindi tassativamente vietato il latte.
Consentito l’uovo sodo condito solo con sale e olio. L’uovo sodo ha la capacità di coagulare la massa fecale. Cosa che non avviene con l’uovo fritto, alla coque o crudo.

IL tè va evitato, nella fase acuta, in cui la mucosa è ipersensibile, in quanto l’azione della teobromina (nel tè) che fa aumentare la peristalsi è nettamente prevalente rispetto al tannino, ad azione astringente.

La camomilla calda, a piccoli sorsi, è utile in caso di dolori addominali.

Potrete inoltre utilizzare pane e caciotta primo sale, pane e bresaola. Ravioli. Le proteine associate ad un grasso frenano la velocità digestiva.

La reintroduzione delle verdure deve iniziare dopo qualche giorno, quando la consistenza delle feci è accettabile. Assolutamente da evitare broccoli, broccoletti, cicoria, bietola o carciofo e verza.

Bene la zucchina lessata e il cavolfiore lessato, i pomodori gratinati, l’indivia bollita (mai cruda).
In linea generale, più una verdura è chiara e meno è ricca di clorofilla e cellulosa e quindi, meno ricca di zucchero e fibre.

La zucca deve essere evitata per il suo alto contenuto in vitamina A che impegna il fegato eccessivamente, al pari della carota e di tutte le verdure rosse e gialle.
Proibiti assolutamente i funghi che impattano sulla mucosa intestinale stimolandola, sollecitano violentemente il fegato e non sono graditi al rene. In conclusione sono molto lassativi, al pari di peperone e melanzane.

I legumi sono banditi almeno per un mese.

Fin dal 1960 l’autrice studia, osservandoli in un gran numero di pazienti, gli effetti degli alimenti sulla fisiologia e fisiopatologia del corpo, nonche la propensione soggettiva per determinati alimenti e le differenti risposte dell’organismo allo stesso alimento preparato in situazioni patologiche diverse. Da questi studi è nata la Bioterapia Nutrizionale, da cui ho tratto questo articolo interessante.

If you'll Walk to the delight of one meter from the ground, nothing will make you stumble

Tuesday, August 19, 2014
If you walk to the delight of one meter from the ground, nothing will make you stumble


'It's in  this month of August, that we  like to think about on vacation, or at least slowed down rhythms, with clocks that run slowly, the smarthphones off, or used intermittently and much more calmly in using social networks. That is: to live a period of change from the usual routine allows you to reflect on the phenomenon of metamorphosis in nature but also in the society. Open up and accept the mutation definitely requires a deep work to abandon prejudices, clichés and preconceived secular. "

The director  Antonella Antonelli wrote that on the weekly Marie Claire of August.
And if in a  week of August we happen to spend it in hospital?
We should, however, give her reason. Because vacation is not just sea, sand, mountains or city.

I open my eyes at dawn. Painkillers have ceased their effect.
For a moment, i remain motionless, wrapped in slumber blankets that smell of pure wool, my eyes fixed on the window. It was a cold night.
I intentionally left the blinds raised to enjoy the first show that the sky can offer me. The charming pastel blue brushed rose among the white clouds, today it seems even more unique. I give it mythical aura and forget my pain.
I get up slowly. My low blood pressure seems to win on the desire to act quickly and get to the window with my eyes still plastered. I give up. I can stand on the IV pole, stumbling through the wires of the infusion. My heart is beating in my throat dull.
I open the forefront of the window. A breath of fresh air makes me take a deep breath. With closed eyes is even more hilarious.
The nature eats me, so much better.
The lush beauty of nature seems like a miserable existence and an antidote to pain.
The camp, outside, sends a light of its own, as if the sun's rays emanate from the ears, that quiver in the breeze and golden.
"The sun goes perfumes. Get the jasmine for example. At dawn, its fragrance is more intense, slightly different from that of noon, but after sunset, when the sun is just a memory, the flower gives off its true soul. You can not confuse them, you can not. "(1)
I shrug, the air is cold.
It 's weird how the mind can go beyond the trees, where the eyes can not see beyond the horizon, as well.
Any hospitalization should be a great experience for reflection and change. Every day, every minute, every moment, here, I decided to live it fully but according distilled emotions. With other eyes, with another spirit, seizing the opportunity that gives me.
I feel smell of disinfectant make his way down the long hallway and into my room. It contrasts in my nostrils. I shut the door. I open a little bit it. I breathe.  I smell something like aseptic alcohol. It 'an integral part of this "holiday". It's "the smell of the hospital," that from childhood is associated unknowingly lane. I leave the door open so that I capture.
It 's funny how fasting makes you so vulnerable and sensitive to odors, perfumes. It 's true that our senses come into competition.
Life has put me to the test, but as Caboni Cristina writes in the book "The path of the perfumes", the scents can be on our way.
I try, every molecule is part of me, I feel what I suggest. The scent is a path and make us find ourselves.
On the lacquered pink coffee table, a cup of tea. The first, after a week of fasting.
It has an intense aroma (parfum). I close my eyes. A hint of citrus transports me to an exotic place.
I go in the persistent memory of the holiday just passed. My olfactory memory catapults me ​​there, among the joyful memories of warm sand.
I sip. slowly.
There is silence now, and peace. Only the echo of the carriages of the nurses is able to distract me, and some stealthy step. Everything is muffled, I feel safe wrapped.
The operators will change the linen. Refer the bed according to a ritual that is repeated every day for years.
The clean scent wafts into the room and makes his way up to here. I'm sitting in the corner of the room, leting me kiss my face by the hot rays of the sun, he knocks on the window.
It 'an intense, soothing, calming, reassuring, that of clean sheets. And 'penetrating.
The dazzling white by bleaching reflects its brightness in these few square meters. I let myself wrap. I lay heavy my head on the pillow, . powerful its scent. Hypnotic.
i'm Seeking the energy required for new projects. I want it.

The squeaky rubber soles of a pair of clogs enter into my room. It's the cleaning lady with the mop for the floors wet with antiseptic. From floor stands now a pungent smells of damp. A smell of the past, of lost things, of old. A load of memories falls on me. Memories of the open country where I live, my moss garden of fallen leaves left to rot on the edge of the river behind the house. The blend of aromatic molecules and odors is this strange result. The lady gives a second pass as the sun floods the wall behind my bed. Here it is, in a few moments, the scent. It becomes almost a delicate fragrance. And 'the effect of the sun and fresh air coming through the window still open.
I turned off the phone, the ipad and tv. I removed the watch from my wrist. I think. Think about it. Hospitalization is a great opportunity to get in touch with our deepest self. Let us be soothed by anything that does not appear, but that is. Because this "holiday" is a training of the soul, which communicates with the senses, and speaks to us ..


(1) Cristina Caboni. The Path of perfumes. Ed. Garzanti, 2014

24 agosto 2014

To be ostomized, how to accept it ?


The body has ceased to function perfectly. It hurts, bleeds, oozes, alters, swelling, limping, burns, aging, does not see, hear, has an OSTOMY. You hate it, you would erase everything and you wonder why, why just you and not someone else.
Your life is no longer the same and everything is made in function of your ostomy. Your relationship, your releases, your diet, your friends. You suck, you do not accept it, you cry, you despair.
You are right.
you should also be angry.
But you are right.
Listen and express these feelings of rejection.
It is a processing and it's necessary.
No one should ask you to immediately accept your ostomy.
No one must request to consider the ostomy the safety of your own life, at least not right away, and no one will have to ask you to go back right now, when you were good. You had not got an ostomy but now you're richer. And you know it, you've already figured out that the ostomy will not be a too high wall, and will soon knock down.
Do you Walk ?, do you brush ?, do you eat? do you dress fashionable? Don't you see it? The ostomy is not an obstacle.
It takes time, take your time, and this is not the same for everyone. Weeks, months, years, or maybe never. But in this passage of time, you will notice that your body will speak to you, and your complaints verbal signals that you will only decipher.
Your body will manifest the desire to be attractive again, it will ask you to go out and get kissed by nature, by the sun, by the wind, and it will ask soon, because this is the normal principle of survival. Uman people can not live in isolation for long time. The psyche would suffer too much damage and you do not want it, really?.
Try to be rich with a new contact with nature. With your garden, if you have it, or with a bouquet of fresh flowers on your kitchen table, a scented candle always litting, the smell of rain.
Cry. Because tears mustn't scare you.
Cry, if you've never done it and cry if you have not done enough. You'll discover later, a new energy, and vital.
Listen to the upbeat music. And turn up the volume if you can. The power of music hurts in your head, it's magic.
Remember that if a lot of people around you will put you in a hurry, you will need to stop yourself and bring on your own time. Pay no attention to them. But assure them if you can. say them that you will able to do in future. Say and repeat this thing out loud.
Tell people around you to be patient.
Let go away who reject you. He does not love you enough.
But if those who reject you is "your partner", perhaps the reason is not the ostomy. It's your face. It's just you, that change your life so much, too much, and you forget desease is an event that everyone will know sooner or later. The disease does not spare anyone. It's part of life. Give your partner time to realize that you are always the same. But hurry, because he does not have infinity patience.
Do not get commiserate. You do not need it, you aren't disabled. And then, the helpless victim is not 'able to see a way out, it remains in the den, but you want to go out, is that right?.
Know other people with an ostomy like you, they can make you feel less alone. Join groups or associations. Facebook is a great resource. Make yourself useful, it always need to do good for the other. This will make you feel very important.

Nurture true friendships. True friends are those who come to see you and not ask you how you are. They are smart, they already know. True friends are the ones that make you laugh, and do not have to ask "can I come?," They come all the same.
Go beyond the appearance of the pain. It enriches you and look this experience as a good opportunity . You will be stronger than the other, you'll be ready for other battles. Write it, Tell it. Secretly, in a diary, or publicly.
Look in the mirror now. Right away. Take a mirror or triggered by a selfie with a smile.
Don't you see it? you are always you. Why ostomy should turn you off the smile?
Send disease out of your world. We live in an age in which people die only when they let go themselves, when they consider only the negative part of themselves, when they become overwhelmed by the mountain of problems that they can see from the valley. It seem the Everest.
Try to go on top of that mountain. It will seem so small ....
What do you want now? If you do not believe on it really, you do not get it.
What do you want now? Go.


...sorry for the language's mistakes
Fanni Guidolin
Stomatherapist and nurse incontinence's rehabilitator
CaStelfranco Veneto's Hospital

Accettare LA STOMIA, come ?

Il corpo ha smesso funzionare alla perfezione. Fa male, sanguina, trasuda, si altera, si gonfia, zoppica,, brucia, invecchia, non vede, non sente, ha una STOMIA. La odi, vorresti cancellare tutto e ti chiedi perché, perché proprio a te e non a qualcun altro.
La tua vita non è più la stessa e tutto è' in funzione della tua stomia. Il tuo rapporto di coppia, le tue uscite, la tua dieta, gli amici. Ti fai schifo, non ti accetti, piangi, ti disperi.
Fai bene.
 E dovresti anche arrabbiarti.
Fai bene ad ascoltare e a manifestare queste emozioni di rifiuto.
Si chiama elaborazione. E' necessaria.
Nessuno deve chiederti di accettare subito la tua stomia. Nessuno ti dovra' chiedere di considerarla la salvezza della tua stessa vita, almeno non subito,  e nessuno ti dovrà' chiedere ti tornare ad essere quello o quella che eri prima. Perché ora sei più ricco. E tu lo sai bene , lo hai già capito che la stomia non sarà un muro troppo alto, e presto lo abbatterai.
Cammini?, ti lavi?, mangi? ti vesti alla moda? Lo vedi ? la stomia non e' un ostacolo.
Ci vuole tempo, e questo non è uguale per tutti. Settimane, mesi, anni, o forse mai. Ma nel trascorrere di questo tempo, ti accorgerai che il tuo corpo ti parlerà , e le tue lamentele verbali, saranno solo segnali da decifrare.
Il tuo corpo manifesterà il desiderio di essere nuovamente attraente, ti chiederà di uscire per farti baciare dalla natura, dal sole, dal vento, e te lo chiederà presto, perché è il normalissimo principio di sopravvivenza. L'uomo non può vivere in isolamento a lungo. La psiche subirebbe troppi danni e tu non li vuoi in fondo questi problemi. Arricchisciti di un nuovo contatto con la natura. Con il tuo giardino, se ne disponi, o con un mazzo di fiori freschi sul tavolo della tua cucina, una candela profumata sempre accesa, l'odore della pioggia.
Piangi. Perché Non sono le lacrime a doverti spaventare.
Piangi se non l'hai mai fatto e piangi se non l'hai fatto abbastanza. Scoprirai dopo, un'energia nuova, vitale.
Ascolta della musica allegra. E alza il volume se puoi.  Il potere delle note frizzeranno nella tua testa.
Ricorda che Più le persone intorno a te ti metteranno fretta, e più dovrai fermarti su te stesso e sui tuoi tempi. Non badare a loro. Ma rassicurale se puoi. Di' loro che ce la farai. Ripetilo a voce alta.
Dillo TU a chi ti sta intorno di avere pazienza.
Lascia andare chi ti rifiuta. Non  ti ama abbastanza.
Ma se chi ti rifiuta e' il tuo partner, forse il motivo non e' la stomia. E' il tuo viso. Sei tu, che ti fai cambiare così tanto da un evento che tutti prima o dopo conosceremo. La malattia non risparmierà nessuno. Fa parte della vita. Lasciagli il tempo di capire che sei sempre tu. Ma sbrigati, perché non avrà una pazienza infinita.
Non farti commiserare. Non ne hai bisogno, non sei un disabile. E poi, la vittima indifesa non e' in grado di vedere una via d'uscita, resta nella tana, mentre tu vuoi uscire.
Conoscere altri Stomizzati come te, può farti sentire meno solo. Partecipa ai gruppi o alle associazioni. Facebook e' una grande risorsa. Renditi utile, c'è sempre bisogno di Bene. Ti farà sentire importante.

Coltiva amicizie vere. Gli amici veri sono quelli che vengono a trovarti e non ti chiedono come stai. Sono intelligenti, lo sanno già . Gli amici veri Sono quelli che ti fanno ridere, che non ti chiedono "posso venire", vengono e basta.
Vai oltre l'apparenza e arricchisciti del dolore che questa esperienza ti ha portato. Sarai più forte degli altri, sarai più pronto per altre battaglie. Scrivilo, raccontalo. Segretamente, in un diario, o pubblicamente.
Guardati allo specchio adesso. Subito. Dai prendi uno specchio o scattati un selfie col sorriso.
Lo vedi ? Sei sempre tu. Perché la stomia dovrebbe spegnerti il sorriso ? Manda a quel paese la malattia. Viviamo in un'epoca in cui si muore solo quando ci si lascia andare, quando si lascia vincere  la parte negativa di se', quando ci si fa sopraffare dalla montagna di problemi che vediamo dalla valle.  Ci sembra l'Everest.
ProvAte ad andare in cima a quella montagna. Vi sembrerà così piccola....
Cosa desideri ora ? Se non lo credi veramente, non lo otterrai.
Cosa desideri ora ? Vai.


20 agosto 2014

Gas, puzzette e invecchiamento

http://pelvicstom.blogspot.it/2014/05/slip-con-rinforzo-per-neutralizzare-la.html
L'argomento potrebbe far sorridere eppure, dopo un intervento chirurgico, la prima domanda che fanno i medici al paziente è: "ha fatto aria?"
E' segno di buon funzionamento o di rimessa in moto di un intestino "scombussolato".
Tendenzialmente I giovani hanno una produzione di gas minore, a parte le giovani donne che si “ingolfano” di fibre e verdure, che naturalmente fermentano molto. Si tratta di gas intestinali che hanno la tendenza a risalire e a fermarsi a livello del colon traverso, subito sotto alle coste.
Le persone anziane producono invece molto più gas e lo eliminano frequentemente e sonoramente. In realtà, più l’intestino tende a discendere, più si crea spazio e la parete intestinale si distende ad opera del gas.
Molte giovani donne sono preoccupate dell’aumento di gas dopo il parto, in quanto prima non ne avevano mai sofferto. Questo succede perché l’intestino ha di colpo, molto più spazio, l’utero si è svuotato e sta cominciando a ridursi di volume.
Spesso è difficile riconoscere una incontinenza ai gas. Si presenta nel momento in cui i gas aumentano con l’età, con la menopausa, o quando la parete addominale si rilassa.
E’ difficile correlare il problema con il parto, tutto potrebbe essere iniziato allora e il danno potrebbe non essere stato subito identificato, nascosto dal dolore provocato dalle suture sul perineo, dalle emorroidi, dai sanguinamenti e dall’ipotonicità perineale dei primi giorni dopo il parto.
Con gli anni (50-60-70 anni), quindi, non preoccupatevi se sentirete una maggiore produzione di gas e puzzette. L'importante è saperle controllare, per espellerle nel posto giusto, al momento giusto !Diversamente.. forse è il caso che cerchiate un centro di riabilitazione del pavimento pelvico !

(da Perineo di Bernardette de Gasquet, ed. EDiermes, 2014)

http://pelvicstom.blogspot.it/2014/05/incontinenza-urinaria-o-fecale.html

19 agosto 2014

Invidia

E’ una strana orribile sensazione quella che mi pervade.
Mi sento come se fossi ricoperta di cellophane, stretto, soffocante. Come se avessi la testa in un sacchetto, non posso respirare. Come se il mio corpo fosse di sola carne e nessun osso.
La vista è offuscata da un leggero fumo nella stanza. E’ quello che esce dalla mascherina dell’aerosol che forse l’infermiera mi ha messo senza che me ne accorgessi.
Non riesco a muovere le dita delle mani, sono talmente gonfie che mi fanno male. Lo dico alla mia vicina di letto, stesa a leggere indisturbata.
Non so perché mi lamento con lei. Non l’ho mai fatto e vago nell’assurda ipotesi che mi possa aiutare. I suoi sguardi, i suoi silenzi, nascondono qualche inconfutabile segreto che non so.
“Stai tranquilla”, mi dice dolcemente. “Tutto passerà”. Ha la voce bassa, dolcissima.
E’ così rassicurante, che mi sembra già la mia amica del cuore. Perché io non ce l’ho un’amica del cuore. Voglio che sia lei la mia amica del cuore. La vorrei con tutto il cuore un’amica del cuore.
Prendo lo specchio dentro al cassetto e mi guardo il viso: chi è quel mostro? Non mi riconosco più.
Mi volto di lato verso la mia migliore amica, magra, bella, con un colorito sano, invidiabile. Mi faccio catturare dalla sua grazia mentre tenta di mettersi seduta. Deve provare uno strano dolore al sedere perché va a rallentatore sulla sedia scomoda dove c’è una ciambella di gomma ad attutire.
Insomma io, un grasso pallone, lei, una raffinata acciughina. La invidio.
Come la invidio.
Ma la mia migliore amica non può neanche lontanamente immaginare quanto male io stia. Lei si alza a fare la pipì menre io mi ritrovo con un maledetto catetere.
Lei fa la cacca tutte le mattine, lo capisco dal deodorante al profumo di orchidea che spruzza in bagno prima di uscire. Io scarico solo con il clistere. Lei cammina, io no. Non può capire cosa significhi avere la pancia piena di canne, lei che la pancia ce l’ha piatta come una modella da passerella.
Che fa?. Si trucca leggermente. Spennella di rimmel le ciglia già lunghe e folte. Leggiadra, diva, si cambia. Indossa una morbida camicia da notte sopra al ginocchio mentre io vesto un secco camice bianco da sala operatoria, macchiato di sangue e sudato.
Invidio terribilmente la mia migliore amica.
Cammina per la stanza come una libellula, si spazzola i capelli lunghi. Mi regala dei bellissimi sorrisi e delle carezze tenere sul braccio.
E’ di poche parole ma i suoi minuti gesti sono tanto per me.
Eppure la invidio. Tantissimo.
Entrano i medici.
Sono tutti a semicerchio sul mio letto.
“Sta andando molto bene signora. I valori stanno rientrando nella norma, vedrà che oggi con la terapia comincerà anche a sgonfiarsi e la prossima settimana andrà a casa. L’intervento è andato davvero bene.
Un’altra settimana?
Giro la testa verso la mia vicina di letto che mi fa spallucce e strizza l’occhiolino facendomi cenno di ok con il pollice.
Non immaginate la carica che i suoi gesti magici mi danno.
Sicuramente lei, la dimetteranno oggi, verrà a prenderla il suo principe azzurro e la prossima settimana, mentre io sarò a casa convalescente, ancora come una mongolfiera, lei sarà in un’isola delle Maldive a godersi il sole in topless.
Invidia.
I medici si spostano davanti al suo letto. Sempre in geometrico semicerchio.
Un silenzio tombale riempie ogni spazio di questa luminosa stanza.
Che succede?
Le facce dei medici si fanno subito cupe, gli occhi sono tutti abbassati su di lei.
“L’Hospice la aspetta oggi pomeriggio. Provvederemo al trasferimento in ambulanza verso le 14”.
“Grazie”, risponde timidamente con una vocina senza tono.
Hospice?
Escono i medici dalla stanza improvvisamente gelida e buia.
Stavolta è la mia migliore amica a girarsi dalla mia parte. Il suo sguardo mi appare terribilmente impaurito: “l’hospice è una casa per malati terminali”, sottolinea tremando.
In un secondo il sangue si gela nelle mie vene. Ho un nodo soffocante alla gola, vorrei urlare le mie scuse, vorrei saltare giù da questo maledetto letto e abbracciarla.
“Stai tranquilla, tutto passerà”, le dico con le lacrime agli occhi, ed un senso di colpa che non potete immaginare.
L’invidia, questo stupido sentimento corrosivo. Antitesi della bontà. Male incurabile.



Se per la gioia camminerai ad un metro da terra, niente ti farà inciampare


E’ proprio in questo mese di agosto che ci piace pensarci in vacanza, o almeno a ritmi rallentati, con gli orologi che scorrono lentamente, gli smarthphones spenti, o usati a intermittenza e molta più calma nell’usare i social networks. Ovvero: vivere un periodo di cambiamento rispetto alla solita routine permette di riflettere sul fenomeno della metamorfosi nella natura ma anche nella società. Aprirsi e accogliere la mutazione richiede sicuramente un lavoro profondo per abbandonare definitivamente prevenzioni, luoghi comuni e preconcetti secolari”.

Lo scrive il direttore Antonella Antonelli sul settimanale Marie Claire di Agosto.
E se proprio la settimana di ferragosto ci capitasse di trascorrerla ricoverati in ospedale?
Dovremmo comunque darle ragione. Perché vacanza non significa solo mare, sabbia, monti o città.

Apro gli occhi alle prime luci dell’alba. Gli antidolorifici hanno cessato il loro effetto.
Per un istante resto immobile, avvolta nel torpore delle coperte che odorano di lana pura, gli occhi fissi alla finestra. E’stata una notte fredda.
Ho volutamente lasciato la tapparella alzata per godere del primo spettacolo che il cielo mi può offrire. L’incantevole azzurro pastello spennellato di rosa, tra il bianco delle nuvole, oggi mi sembra ancora più unico. Gli assegno un’aurea mitica e dimentico il mio dolore.
Mi alzo lentamente. La mia bassa pressione sembra vincere sulla volontà di fare presto e raggiungere la finestra con gli occhi ancora impiastricciati. Desisto. Mi reggo sul paletto della flebo, incespicando nei fili dei deflussori. Il cuore mi batte sordo in gola.
Apro la ribalta del finestrone. Una ventata di aria pura mi fa fare un respiro profondo. Ad occhi chiusi è ancora più esilarante.
La natura mi mangia, tanto è bella.
La bellezza rigogliosa della natura mi sembra un antidoto all’esistenza misera e al dolore.
Il campo, fuori, manda una luce tutta sua, come se i raggi del sole emanassero dalle spighe, che fremono alla brezza leggera e dorata.
“Il sole accompagna i profumi. Prendi il gelsomino per esempio. All’alba la sua fragranza è più intensa, diversa da quella lieve di mezzogiorno, ma dopo il tramonto, quando il sole è solo un ricordo, il fiore emana la sua vera anima. Non puoi confonderli, non è possibile.” (1)
Mi stringo nelle spalle, l’aria è fredda.
E’ strano come la mente possa andare oltre gli alberi, dove gli occhi non vedono, oltre l’orizzonte, oltre.
Ogni ricovero in ospedale dovrebbe essere una grande esperienza di riflessione e cambiamento. Ogni giorno, ogni minuto, ogni singolo istante, qui, decido di viverlo appieno ma secondo distillate emozioni. Con altri occhi, con altro spirito, cogliendo l’opportunità che mi regala.
Sento odore acre di disinfettante farsi largo nel lungo corridoio ed entrare nella mia stanza. Contrasta nelle mie narici. Chiudo la porta. La riapro. Inspiro. Sa di asettico, di alcool. E’ parte integrante di questa “vacanza”. E’ “l’odore di ospedale” che fin da bambini si associa inconsapevolmente alla corsia. Lascio la porta aperta affinché mi catturi.
E’ strano come il digiuno ti renda così sensibile e vulnerabile agli odori, ai profumi. E’ proprio vero che i nostri sensi entrano in competizione.
La vita mi ha messo alla prova ma, come scrive Cristina Caboni nel libro “Il sentiero dei profumi”, i profumi possono essere la nostra strada.
Lo cerco, ogni molecola fa parte di me, sento quello che mi suggerisce. Il profumo è un sentiero e può farci ritrovare noi stessi.
Sul tavolino laccato di rosa, una tazza di tè. Il primo, dopo una settimana di digiuno.
Ha un’aroma intensa, chiudo gli occhi. Una nota agrumata mi trasporta in un luogo esotico.
Vago nel ricordo persistente della vacanza appena trascorsa all’Elba. La mia memoria olfattiva mi catapulta là, tra i ricordi gioiosi della sabbia calda.
Sorseggio. Piano.
C’è silenzio oggi, e pace. Solo l’eco dei carrelli delle infermiere riesce a distrarmi, e qualche passo felpato. Qui è tutto ovattato, mi sento al sicuro, avvolta.
Le operatrici cambiano la biancheria. Rifanno il letto secondo un rituale che si ripete tutti i giorni, da anni.
Il profumo di pulito aleggia nella stanza e si fa strada fino a qua. Sono seduta nell’angolo della stanza, a farmi baciare il viso dai raggi caldi del sole, che bussa alla finestra.
E’ un profumo intenso, lenitivo, calmante, rassicurante, quello delle lenzuola pulite. E’ penetrante.
Il bianco abbagliante dal candeggio riflette tutta la sua luminosità in questi pochi metri quadrati. Mi lascio avvolgere. Adagio la testa pesante sul cuscino, piano. E’ potente il suo profumo. Ipnotico.
Cerco l’energia necessaria per nuovi progetti. La voglio.
Lo stridulo gommoso delle suole di un paio di zoccoli entra nella mia stanza. È la signora delle pulizie con il mocio per i pavimenti bagnato di antisettico e amuchina. Dal pavimento si leva ora un sentore acre di umidità. Un odore di passato, di cose perdute, di vecchio. Un carico di ricordi mi piomba addosso. Ricordi dell’aperta campagna in cui vivo, del muschio del mio giardino, delle foglie cadute lasciate marcire sul bordo del fiume dietro casa. Il mescolarsi di molecole profumate e odori sgradevoli è questo strano risultato. La signora dà una seconda passata mentre il sole allaga il muro dietro al mio letto. Eccolo, in pochi istanti, il profumo. Diventa quasi una delicata fragranza. E’ l’effetto del sole e dell’aria pura che entra dalla finestra ancora aperta.
Ho spento il cellulare, l’ipad e la tv. Ho tolto l’orologio dal polso. Penso. Pensateci. Il ricovero in ospedale è una grande opportunità per entrare in contatto profondo col nostro io. Lasciamoci cullare da tutto ciò che non appare, ma che è . Perché questa “vacanza” è un addestramento dell’anima, che comunica con i sensi, e parla a noi..


(1) Cristina Caboni. Il Sentiero dei profumi. Ed. Garzanti, 2014



10 agosto 2014

Facciamoli studiare !

Leggevo di uno studio che riportava evidenze circa una scarsa comprensione dell’anatomia perineale da parte delle ostetriche e dei medici praticanti che eseguono il maggior numero di parti nel Regno Unito.
In questa ricerca il 41% dei medici e il 16% delle ostetriche ha classificato in modo scorretto una lacerazione parziale o completa dello sfintere anale esterno come di “secondo grado” anziché di terzo o quarto! . La mancanza di coerenza classificativa consentiva quindi a molte lesioni di passare inosservate con ripercussioni sul pavimento pelvico disastrose in quanto non trattate precocemente da specialisti della riabilitazione.
Per tale motivo si spera che sia stato al più presto inserito, nel loro modulo di tirocinio un programma essenziale sulla riparazione perineale.

(Sultan, A.H., Kamm M.A. and Hudson C.N. Obstetric perineal tears: an audit of training. Journal of obstetric and ginecology, 1995)


5 agosto 2014

No alla tartaruga no agli addominali!

E' un peccato rovinarsi la schiena, l'addome e il pavimento pelvico praticando un'attività sportiva che dovrebbe invece fare del bene!
La pratica abituale degli addominali, e' particolarmente nefasta e non può garantire un addome piatto, ne'  riesce a sviluppare una muscolatura profonda (una guaina) che faccia risalire e sostenga i visceri, rinforzando la colonna e permettendone il raddrizzamento.
La famosa "tartaruga" e' difficile da ottenere e scompare velocemente quando si interrompono gli esercizi da "lavori forzati" ed è' spesso all'origine dell'insorgenza  di ernie inguinali o discali, di problemi lombari o cervicali e, nella donna, di prolasso e incontinenza.
Nonostante ciò, si propongono spesso nelle palestre, esercizi di questo tipo a persone che non dovrebbero assolutamente farli. Il motivo del no?
L'aumento della pressione addominale con quel tipo di esercizi, porta ad un aumento della spinta verso il basso, dove la muscolatura e' molto debole.
Clicca anche sul link sottostante
http://pelvicstom.blogspot.it/2014/04/pancia-tartaruga-o-pancetta.html

(Bernardette de Gasquet. Perineo. Fermiamo il massacro. Edi.ermes.)



Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog