24 agosto 2014

Accettare LA STOMIA, come ?

Il corpo ha smesso funzionare alla perfezione. Fa male, sanguina, trasuda, si altera, si gonfia, zoppica,, brucia, invecchia, non vede, non sente, ha una STOMIA. La odi, vorresti cancellare tutto e ti chiedi perché, perché proprio a te e non a qualcun altro.
La tua vita non è più la stessa e tutto è' in funzione della tua stomia. Il tuo rapporto di coppia, le tue uscite, la tua dieta, gli amici. Ti fai schifo, non ti accetti, piangi, ti disperi.
Fai bene.
 E dovresti anche arrabbiarti.
Fai bene ad ascoltare e a manifestare queste emozioni di rifiuto.
Si chiama elaborazione. E' necessaria.
Nessuno deve chiederti di accettare subito la tua stomia. Nessuno ti dovra' chiedere di considerarla la salvezza della tua stessa vita, almeno non subito,  e nessuno ti dovrà' chiedere ti tornare ad essere quello o quella che eri prima. Perché ora sei più ricco. E tu lo sai bene , lo hai già capito che la stomia non sarà un muro troppo alto, e presto lo abbatterai.
Cammini?, ti lavi?, mangi? ti vesti alla moda? Lo vedi ? la stomia non e' un ostacolo.
Ci vuole tempo, e questo non è uguale per tutti. Settimane, mesi, anni, o forse mai. Ma nel trascorrere di questo tempo, ti accorgerai che il tuo corpo ti parlerà , e le tue lamentele verbali, saranno solo segnali da decifrare.
Il tuo corpo manifesterà il desiderio di essere nuovamente attraente, ti chiederà di uscire per farti baciare dalla natura, dal sole, dal vento, e te lo chiederà presto, perché è il normalissimo principio di sopravvivenza. L'uomo non può vivere in isolamento a lungo. La psiche subirebbe troppi danni e tu non li vuoi in fondo questi problemi. Arricchisciti di un nuovo contatto con la natura. Con il tuo giardino, se ne disponi, o con un mazzo di fiori freschi sul tavolo della tua cucina, una candela profumata sempre accesa, l'odore della pioggia.
Piangi. Perché Non sono le lacrime a doverti spaventare.
Piangi se non l'hai mai fatto e piangi se non l'hai fatto abbastanza. Scoprirai dopo, un'energia nuova, vitale.
Ascolta della musica allegra. E alza il volume se puoi.  Il potere delle note frizzeranno nella tua testa.
Ricorda che Più le persone intorno a te ti metteranno fretta, e più dovrai fermarti su te stesso e sui tuoi tempi. Non badare a loro. Ma rassicurale se puoi. Di' loro che ce la farai. Ripetilo a voce alta.
Dillo TU a chi ti sta intorno di avere pazienza.
Lascia andare chi ti rifiuta. Non  ti ama abbastanza.
Ma se chi ti rifiuta e' il tuo partner, forse il motivo non e' la stomia. E' il tuo viso. Sei tu, che ti fai cambiare così tanto da un evento che tutti prima o dopo conosceremo. La malattia non risparmierà nessuno. Fa parte della vita. Lasciagli il tempo di capire che sei sempre tu. Ma sbrigati, perché non avrà una pazienza infinita.
Non farti commiserare. Non ne hai bisogno, non sei un disabile. E poi, la vittima indifesa non e' in grado di vedere una via d'uscita, resta nella tana, mentre tu vuoi uscire.
Conoscere altri Stomizzati come te, può farti sentire meno solo. Partecipa ai gruppi o alle associazioni. Facebook e' una grande risorsa. Renditi utile, c'è sempre bisogno di Bene. Ti farà sentire importante.

Coltiva amicizie vere. Gli amici veri sono quelli che vengono a trovarti e non ti chiedono come stai. Sono intelligenti, lo sanno già . Gli amici veri Sono quelli che ti fanno ridere, che non ti chiedono "posso venire", vengono e basta.
Vai oltre l'apparenza e arricchisciti del dolore che questa esperienza ti ha portato. Sarai più forte degli altri, sarai più pronto per altre battaglie. Scrivilo, raccontalo. Segretamente, in un diario, o pubblicamente.
Guardati allo specchio adesso. Subito. Dai prendi uno specchio o scattati un selfie col sorriso.
Lo vedi ? Sei sempre tu. Perché la stomia dovrebbe spegnerti il sorriso ? Manda a quel paese la malattia. Viviamo in un'epoca in cui si muore solo quando ci si lascia andare, quando si lascia vincere  la parte negativa di se', quando ci si fa sopraffare dalla montagna di problemi che vediamo dalla valle.  Ci sembra l'Everest.
ProvAte ad andare in cima a quella montagna. Vi sembrerà così piccola....
Cosa desideri ora ? Se non lo credi veramente, non lo otterrai.
Cosa desideri ora ? Vai.


Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog