23 ottobre 2016

Pannolini e Assorbenti anche al mercato


Dalla grande distribuzione alle bancherelle del mercato.
E’ proprio così che i pannolini per neonati, i pannoloni per anziani allettati incontinenti, gli assorbenti per l’incontinenza urinaria femminile e maschile, si presentano alla popolazione. Non manca più nulla sulle bancarelle del mercato in centro storico. Puoi trovare salvaslip di marche sconosciute a poco prezzo, o prodotti in tutti gli spessori e le forme (molto di moda e cool il pannolino per il tanga) conosciuti e firmati, scontati fino al 70%.
No, nessuno si chiede se esista un centro di riabilitazione dell’incontinenza tra le persone intervistate, ma soprattutto, nessuno è a conoscenza del fatto che dall’incontinenza urinaria si possa anche guarire. Parliamo di quella incontinenza conseguente alla menopausa, ad interventi chirurgici, al parto. Parliamo di incontinenza accertata dallo specialista urologo o ginecologo, che si manifesta in seguito a sforzi pesanti o lievi, come uno starnuto, una camminata, o che impedisce di raggiungere il wc in tempo in caso di urgenza.
In Italia le stime sui costi per i pannolini non sono incoraggianti.
Il mercato dei pannolini per incontinenza raggiunge i 125 milioni di euro all’anno, e da questa cifra sono esclusi i pannolini per neonati.
Ogni giorno siamo tempestati da pubblicità a tutte le ore, di assorbenti che migliorano la vita, profumati, sottili, ultrasottili, invisibili e che ridanno la tranquillità e il sorriso.
Ci presentano “panno lotti” in pubblicità colorate, incontinenti con sorrisi stampati, presidi che esaltano la discrezione e il miglior rapporto di coppia.
Nessuno parla di cura né tantomeno di prevenzione. dell’incontinenza.

Pelvicstom è un blog che racchiude il mondo del pavimento pelvico e della stomia, specialità di studio di Fanni Guidolin, Enterostomista esperta nella riabilitazione delle disfunzioni pelvi perineali ed ora docente universitaria per la stessa materia. E’ un sito che racchiude consigli, strategie, video di esercizi e insegnamenti, ma soprattutto storie di pazienti.
Il canale You Tube per i video sugli esercizi è stata la novità di quest’estate di intensi lavori da parte di Pelvicstom.
Per quanto riguarda l’incontinenza, La speranza è quella di diffondere un messaggio di prevenzione e trattamento riabilitativo, assolutamente privo di controindicazioni.

SICURA, E' UNA DONNA CHE NON PERDE PIU' !!!




6 ottobre 2016

Festa con 40 associazioni in centro a Montebelluna (TV)


C'era anche la nostra associazione incontinenti e stomizzati di Castelfranco e Montebelluna (TV)  AISCAM  a presenziare Sabato scorso 1 Ottobre 2016 alla giornata delle Associazioni di Volontariato. 

Chiedevo a molte persone che fermavo al loro passaggio se conoscevano il significato della parola "stomizzato" e nessuno sapeva rispondere. Così, spiegare il significato, sensibilizzare il pubblico e incuriosire i giovani studenti, sono stati gli obiettivi della giornata conclusasi alla sera.


AISCAM vanta più di 600 iscritti. Non sono tutti pazienti. Molti sono i familiari, i simpatizzanti, i curiosi di conoscere il pavimento pelvico. Quella "cosa" che nasconde le insidie del nostro animo più intimo. 


Postura e perineo

Quando si sta in piedi, femore e tibia dovrebbero essere allineati. È soprattutto la tibia a sostenere il peso proveniente dall'alto. Se ho una paziente con la tendenza al ginocchio valgo (foto 1), avrò la rotazione interna degli assi tibiali e femorali, un disassamento interno delle rotule, la tendenza al flexum. Ma soprattutto avrò gli ischi in apertura e quindi un perineo in apertura avrà sempre un "rubinetto della continenza" debole. 
Utili quindi esercizi con extrarotazione del piede, flessione delle cosce, attenzione che le ginocchia non devono cadere in avanti, bacino retroverso, pube in avanti . Piegare e stendere ripetutamente le gambe. Addome sempre introflesso. 

ginocchia valghe 

flettere e stendere ripetutamente senza antivergere il sedere all'indietro 

attenzione alle ginocchia. Non devono cadere in avanti oltre la linea delle dita dei piedi. Spostare baricentro indietro.


nella risalita a gambe tese,  mantenere piede extraruotato e ben appoggiato a terra

Potrebbero interessarti anche: