18 novembre 2018

Successo a Salvarosa per l'ultimo tour di Pelvicstom

Accoglienza e affetto, interesse e partecipazione sono stati gli ingredienti portati dalle settantasette donne accorse venerdì sera all'incontro informativo sul perineo femminile. Una conferenza medico-scientifica intervallata da alcuni momenti teatrali, che mi hanno permesso non solo di far sorridere e divertire il pubblico, ma di far passare il messaggio che del perineo dobbiamo prenderci cura ogni giorno.
Ci sono azioni nella nostra quotidianità che incidono profondamente su quelle strutture basse, rinchiuse alla base del nostro bacino. Piegarsi per raccogliere qualcosa, o stare sedute per ore, sollevare pesi e avere una postura scorretta, sono azioni da controllare con il respiro, la corretta introflessione dell'addome e la contrazione degli sfinteri anali e dei muscoli vaginali.  Il tutto simultaneamente al movimento e sempre. 
Più azioni corrette compiamo durante il giorno e più il nostro perineo ci ringrazierà e viceversa.

Il soffio del palloncino, che non manca mai nei nostri eventi, impegna i muscoli addominali. E' proprio questa disattivazione che le donne devono imparare. E mentre la pancia si appiattisce, stringere là sotto è sempre utile. 

Se non ci fossero le volontarie dell'associazione AISCAM (associazione incontinenti e stomizzati di Castelfranco e Montebelluna) ad aiutarmi, non saprei davvero come fare da sola. Con presidente regionale Attilio Reginato, il direttivo si carica di forza e gioia. Annamaria Fietta e Diana Lion, nella foto sopra com me, consegnano volantini, brochure e gadgets ai partecipanti. 

Annamaria si dedica ogni volta alla realizzazione dei fiocchetti in tema di colore e significato. Ogni nostro evento vuole sensibilizzare anche nell'ambito della stomia, argomento poco conosciuto. E' per questo che le borsette consegnate contengono la brochure dell'associazione. Si informa e si accolgono i nuovi soci. 
Riuscire a mantenere l'attenzione delle donne per un paio d'ore parlando di argomenti poco comuni, non è mai facile. Così ho ideato alcune trance con battute e scenetta. Una sorta di parodia, che liberi la mente ma la apra al significato profondo.
Ne è rimasto entusiasta Luigi Brunato, del direttivo dell'associazione frazionale Salvarosa. Rivedermi a casa (dato che ho abitato vent'anni a Salvarosa) è stato per lui un onore. 
Invece sono io che ringrazio tutti loro. Dovevate vedere come hanno sistemato il palco e allestito il set in mezz'ora. Cavi, microfono, schermo e proiettore, velocissimi. Ed io che terrorizzata dalla paura di non riuscire a preparare in tempo, ondeggiavo avanti e indietro alla ricerca di minuti già trascorsi.

Le donne amano essere considerate e guardate dentro, nell'anima. Fa parte di noi la ricerca del riconoscimento. Ecco perchè quando capiscono che noi terapiste, infermiere, fisioterapiste od ostetriche esperte di perineo, riusciamo ad entrare nel loro animo più intimo, si lasciano andare a confidenze e confessioni. Vorremmo che i miasmi del dubbio morale svanissero.
Le accogliamo tutte le donne, anche quelle più difficili, resistenti al cambiamento. Anche quelle che pensano sia più facile e risolutivo sottoporsi ad un intervento chirurgico piuttosto che fare fatica con gli esercizi. Sono le pensatrici anti-sistema. Le ho definite così. 
Salvarosa ci ha regalato la convinzione che stiamo percorrendo la strada giusta.
Giunti ormai al diciottesimo evento di Pelvicstom, diamo appuntamento a tutte mercoledì prossimo 21 novembre 2018 ore 20.00 presso la palestra delle scuole elementari di Vedelago (Tv), dove anche le donne partecipanti alla serata teorica di Vedelago, accorreranno. 
Chiediamo di indossare una t-shirt bianca o rosa, che coreograficamente richiama tutto il mondo femminile, e di portare un tappettino. faremo alcuni esercizi tutte insieme e vi spiegherò il razionale scientifico di ognuno. 
Per chi volesse saperlo, la mia scuola e corrente di pensiero è quella di Bernardette De Gasquet. 


Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog