30 ottobre 2018

La parola CANCRO fa paura

Un sabato mattina piovoso non ha frenato la partecipazione di quasi novanta persone al convegno sul cancro, presso la biblioteca di Montebelluna, in provincia di Treviso. Tuttavia ci aspettavamo una partecipazione maggiore. Evidentemente la parola cancro, spaventa, e chi può ci sta alla larga e lontano.
La brillante esposizione dei relatori ha però tenuto incollate le persone, incuriosite anche da relazioni che hanno scavato nell'animo umano. 
Sicuramente se si sta attraversando una malattia oncologica o la si è vissuta accanto ad un caro familiare o amico, si può capire molto. 
L'obiettivo dell'incontro era dare le soluzioni ai problemi che possono sopraggiungere e che sconvolgono tutta la famiglia. Sostegno, informazione, possibilità di parlare con i medici che credono nell'umanizzazione delle cure, medicina narrativa, cure palliative per un accompagnamento dignitoso. 
Viviamo davvero in una realtà che dà dignità al malato. Che sia la Marca Trevigiana cosi' virtuosa o il Veneto tutto, noi da questa parte, siamo fieri di farne parte, e di contribuire al vostro bene.
sopra, con la Dott.ssa Caterina Bertelli 
sopra, con Marisa e Mario, del direttivo AISCAM

sopra, l'argomento di cui ho parlato

Ringrazio il comune di Montebelluna per essere presente ai nostri convegni in città e la sensibilità dimostrata nel voler collaborare con noi ancora. 
Fanni Guidolin 

sopra, l'articolo scritto dalla giornalista Ingrid Feltrin su Castelfranco e Montebelluna Week

Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog