14 dicembre 2016

I problemi delle stomie

In questo post potrete visionare varie complicanze peristomali e il loro trattamento secondo la mia esperienza personale. 
Nota bene: ogni soluzione non va considerata in modo assoluto e dipende dall'enterostomista, dai prodotti disponibili (spesso molto costosi ma a volte mutuabili), dall'esperienza.
Le complicanze stomali possono essere trattate anche con altri prodotti o modalità. Ma ricordate che ciò che conta per il paziente è.... il risultato positivo ! 


Foto sotto: deiscenza del margine muco cutaneo in paziente ancora ricoverato. Trattata con polvere assorbente idrocolloidale e pasta riempitiva idrocolloidale 





Foto sotto: prolasso della stomia da trattare con riposo, applicazione zucchero semolato e ghiaccio. Tentare la riduzione digitale manuale o rivolgersi all'enterostomista. 







Foto sotto: dermatite peristomale da contaminazione con urine infette (eseguita urocoltura) 




Foto sotto: colostomia sinistra con granulomatosi da flogosi cronica e tendenza al sanguinamento



Foto sotto: sono state eseguite delle toccature con nitrato d'argento a scopo caustico. da ripetere settimanalmente fino a scomparsa. Se granulomi dal volume >5mm, utile consulenza chirurgica per asportazione con elettrobisturi e/o biopsia 






Foto sotto:
Colostomia sinistra alla quale ho rimosso i punti peristomali in data di oggi. Presente dermatite peristomale circonferenziale di 2° grado.



foto sotto:
Dopo adeguata detersione si applica polvere idrocolloidale assorbente e si soffia via l'eccedenza 



foto sotto:
quindi con una siringa senza ago riempita di pasta idrocolloidale, si applica tutto intorno un filo di tale pasta a scopo di guarnizione anti infiltrazioni e a scopo riempitivo delle irregolarità  


foto sotto:
Infine si applica la sacca monopezzo con finestrella ispezionabile. Il foro è appena più grande della stomia.


foto sotto: Ileostomia destra con ansa afferente stenotica. Si tenta dilatazione con ferro di Hegar 14 con ottimo successo. Questo, se possibile, evita alla paziente un intervento chirurgico di riconfezionamento della stomia.



Nota bene: ogni soluzione non va considerata in modo assoluto e dipende dall'enterostomista, dai prodotti disponibili (spesso molto costosi ma mutuabili), dall'esperienza.
Le complicanze stomali possono essere trattate anche con altri prodotti o modalità. Ma ricordate che ciò che conta per il paziente è.... il risultato positivo ! 

Foto sotto:
Piccola ulcera peristomale e arrossamento puntiforme circonferenziale in colostomia sinistra


foto sotto:
misurare la larghezza e la lunghezza della lesione


foto sotto:
Ho trattato la lesione con polvere assorbente idrocolloidale e intorno alla stomia ho passato una salviettina protective


foto sotto:
ho coperto la lesione secernente con un pezzettino di alginato in piastra


foto sotto:
ho applicato il sacchetto monopezzo vuotabile, con placca ultra morbida 


Nota bene: ogni soluzione non va considerata in modo assoluto e dipende dall'enterostomista, dai prodotti disponibili (spesso molto costosi ma mutuabili), dall'esperienza.
Le complicanze stomali possono essere trattate anche con altri prodotti o modalità. Ma ricordate che ciò che conta per il paziente è.... il risultato positivo ! 


Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog