20 dicembre 2015

Pavimento Prezioso

Habemus Corpus. Tutti ce l'hanno, pochi lo conoscono. E' il  pavimento pelvico, il cui compito è assolutamente fondamentale. Perché la sua presenza, se tonica e rinforzata, evita il rischio di prolasso degli organi pelvici (utero, vescica, retto) , l'incontinenza urinaria e anale e il benessere sessuale.
Tutti ce l’hanno. Pochi lo conoscono. Pochissimi lo allenano. Il pavimento pelvico, detto anche perineo, è quel gruppo di muscoli che, situato alla base del bacino, là in basso, insieme a corde di sostegno legamentose e tendinee, sorregge tutto quanto ciò che ci sta sopra: vescica, intestino, retto-ano, utero o prostata. 
Le stime dell’AIUG (Associazione italiana di urologia ginecologica e del pavimento pelvico) le donne che soffrono di incontinenza sono fra i 4 e i 5 milioni. La soluzione sarebbe prevenire, informare e far sapere che il perineo si può allenare, come qualsiasi altro muscolo. Invece il nostro sistema sanitario preferisce rimborsare 160 milioni di euro all’anno in pannoloni per l’incontinenza, un vero business che propone di tutto: assorbenti di ogni formato e taglia, traverse salvaletto, mutandine elasticizzate, comfort o pull up.
Chi pensa che un perineo rilassato sia un problema degli anziani e vetusti esseri umani si sbaglia. 
Capita anche a donne giovani di perdere qualche goccia di urina in concomitanza con sforzi o colpi di tosse, e capita anche a giovani uomini di avere il prolasso del retto e non riuscire quindi a scaricare bene.
Ci sono poi gli effetti del parto, un vero stress per i muscoli perineali anche a distanza di anni dal parto. 
In Francia lo Stato paga alle neomamme sei sedute di rémise en forme del pavimento pelvico. 
In Italia per ora è in crescita la libera e privata iniziativa, ma nell'ospedale in cui lavoro (Castelfranco Veneto e Montebelluna, TV) me ne occupo personalmente.

Secondo la mia metodologia, la ginnastica per il pavimento pelvico inizia partendo dal riassetto posturale, respiratorio e di controllo delle pressioni intraddominali. Solo in un secondo momento si inizierà ad insegnare la contrazione dei muscoli perineali, anali, vaginali. Non si può prescindere dalla presa di coscienza che tutto ciò che spinge verso il basso, porterà ancora più giù il perineo e tutti gli organi pelvici.
Via via, le sedute saranno sempre più intensive fino a risoluzione completa del problema. E quando il problema si dimostra irrisolvibile, là interviene la chirurgia.
Per essere efficaci, gli esercizi vanno ripetuti anche a casa propria regolarmente ogni giorno,  mentre si cucina, si legge, si guarda la tivù, si lavano i piatti o si aspetta il tram .
Con tutto questo stringi e rilassa la pancia si appiattisce, i glutei si alzano e la schiena diventa più diritta.
Joseph Pilates definì l’area del bacino, fondamentale perché dà il baricentro.
Power House è definita l'area che dà il core stability, la stabilità centrale, a partire dallo sterno. A sua volta, questa casa del potere diventa più forte se poggia su un buon pavimento pelvico. Una vera rivoluzione, se se ne è consapevoli. Altro che pannoloni.



Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog