25 ottobre 2015

Una falsa amica: la ciambella

Dopo un intervento all'ano, al retto o alla vagina, o dopo il parto, sedersi procura dolore e spesso viene consigliata una ciambella gonfiabile.
Quando ci si siede in una sedia, con un appoggio posteriore, sul sacro, il dolore aumenta, che si tratti di emorroidi, suture, edemi, lussazioni di coccoge eccetera, ma questa non è una buona ragione per stare seduti solo su un lato, tutti storti.
La ciambella è un falso aiuto perchè sedendosi sopra, ci si trova nel buco e non nel vuoto. A questo punto la congestione aumenta, il sacco emorroidario si riempie ancora di più, non è possibile un'azione di drenaggio tramite la respirazione perchè il diaframma non ha una buona escursione e di conseguenza un buon effetto pompa. Bisognerebbe inventarsi una mezza ciambella come la tazza del wc che permette di essere in appoggio alla radice delle cosce, busto in avanti e perineo nel vuoto.
In attesa di uno strumento simile (magari qualcuno potrebbe brevettarlo), occorre sedersi sulla punta di una sedia, busto in avanti, gomiti appoggiati sul tavolo o su due cuscini posti sopra le ginocchia, oppure sedersi all'indiana, con le gambe incrociate e il busto proiettato in avanti.

Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog