21 settembre 2015

Vaginismo e... Il linguaggio del corpo


Con il termine vaginismo si indica uno spasmo involontario ricorrente o persistente della muscolatura vaginale che interferisce con la penetrazione vaginale, determinando a volte dolore, distress, fobia.
Quali sono i segni distintivi di una donna che soffre di vaginismo?
Si evidenziano quattro nodi di tensione in quattro aree del corpo. 
1) La bocca serrata spesso associata ad occhi ben aperti. Un messaggio chiaro: la paura di far entrare le emozioni e il bisogno di controllare tutto. Spesso la bocca si associa al digrignare notturno dei denti , un respiro superficiale alternato a respiri profondi quasi per "prendere fiato". 
2) La tensione d la parte cervicale dei muscoli paravertebrali. L'ipertono muscolare spiega la rigidità della colonna e delle spalle, quasi sollevate a parare un colpo, e la difficoltà di abbandono. Per lasciarsi andare al piacere dei sensi bisognerebbe riuscire a far andare la testa all'indietro.
3) La tensione della parte lombare dei muscoli paravertebrali che determina l'inarcamento della schiena  quando la donna si stende sul lettino. Iperlordosi che si accentua durante la penetrazione .
Tensione e angoscia di penetrazione sono tali che, nei casi più gravi di vaginismo, possono portare all'adduzione  protettiva delle cosce alla sola idea di un rapporto. 
4) Lo spasmo difensivo del muscolo elevatore dell'ano, che circonda la vagina , e che la terapista può percepire con una esplorazione digitale vaginale. È' l'intensità dello spasmo a condizionare la penetrazione, modificando la mappa emotiva del corpo la' , creando una corazza. 
Una corazza costruita su progressiv alterazioni posturali che, come una ruggine somatopsichica, finiscono per resistere anche al miglior lavoro psico dinamico, a meno che, non vengano parallelamente trattate sul fronte corporeo, in un centro di riabilitazione del pavimento pelvico. G

Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog