28 settembre 2015

Disturbo da dolore sessuale (nel maschio omosessuale)


Nel maschio omosessuale, si può riscontrare un disturbo che è l'analogo del vaginismo femminile (ipertono dei muscoli vaginali che impediscono la penetrazione o che la rendono dolorosa).
Tale disfunzione è caratterizzata dalla presenza di contrazioni dello sfintere anale che ne impediscono la penetrazione. Estremamente letale è la cocaina assunta per via rettale, con lo scopo di indurre il rilasciamento della muscolatura. In assenza di alterazioni organiche, questo disturbo può nascondere un inconscio radicale omofobico o una profonda resistenza ad un atto che è di per sè simbolo di sottomissione passiva. In aggiunta a ciò, va considerato il fatto che gli omosessuali sono spesso vittime di aggressioni sessuali che si traducono nel 75% dei casi in penetrazione anale. Tali abusi sessuali, inaspettatamente, vengono esercitati più da partner fissi od occasionali che da estranei. Questo è drammatico. Non è pertanto difficile comprendere come queste esperienze, generino, all'interno del rapporto di coppia, una profonda sfiducia che finisce per sfociare in un inconscio rifiuto del ruolo passivo.

Hickson, 1994
Rosser, 1997

Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog