1 novembre 2014

Complicanze stomali: come gestirle?

SUTURA CUTANEA PROSSIMA ALLA STOMIA, FECI LIQUIDE, PRIMA SETTIMANA POST OPERATORIA (colostomia dx laterale su colon ascendente)


Questo comporta una notevole difficoltà a far ederire sia una placca piana che convessa. L'utilizzo della pasta livellante è fondamentale. L'arrossamento è dovuto al contatto con feci acide. L'isolamento della cute con un sistema a due pezzi da lasciare in sede più giorni, consente alla cute di guarire ed è meno laborioso di una sostituzione giornaliera. La placca verrà ritagliata secondo stomia e per tutta la lunghezza della sutura. La sacca, sarà dotata di un rubinetto al quale collegare una sacca di raccolta fintanto che le feci saranno liquide al fine di drenarle verso la sacca e non farle ristagnare vicino allo stoma (rischio infilitrazioni sotto placca)
Utile trattare l'arrossamento con Eosina 3% in soluzione acquosa.


PROLASSO DELLA ILEOSTOMIA (Ileostomia dx laterale temporanea,pz in chemioterapia adiuvante)

Rimuovere sacca e placca.Utilizzare un panno pulito alla base della stomia prolassata. Ricoprire lo stoma direttamente con mezzo chilo di zucchero bianco semolato (azione iperosmolare) come nella foto sotto e Chiudere a pacchetto posizionando del ghiaccio sopra a tutto per circa un'ora.
Il prolasso è notevolmente ridotto e riducibile ora manualmente (dal paziente se se la sente o dall'enterostomista).
Posizionare placca rigida a contenimento e fascia addominale (fascia in cotone elasticizzato con velcro) sempre a scopo di contenzione delle pressioni addominali che metterebbero a rischio nuovamente lo stoma.


Se il prolasso non è eccessivo o se la stomia è semplicemente edematosa (edema=gonfiore da eccesso di liquidi nella mucosa, vedi foto sotto), e' possibile riempire la sacca di raccolta (sistema aperto) con lo zucchero semolato, fino a coprire lo stoma interamente. POi, posizionare comunque il ghiaccio sopra.


Stomia edematosa

Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog