23 marzo 2014

L'alimentazione del paziente con ileostomia o con diarrea

ALIMENTAZIONE DOPO RESEZIONE INTESTINALE E CONFEZIONAMENTO DI ILEOSTOMIA

Indicazioni alimentari realizzate in opuscolo divulgativo in occasione del primo incontro per stomizzati del 2014, con la collaborazione del servizio dietetico.

Le persone portatrici di ileostomia dovrebbero seguire una dieta che aiuti a:
•rendere più consistenti le feci
•reintegrare la perdita di liquidi



RACCOMANDAZIONI:

1. Bere molto durante la giornata aiuta a reintegrare le perdite dei liquidi e a prevenire la disidratazione (sete intensa, secchezza della pelle e delle fauci, urine e di colore scuro, crampi muscolari).
Si consiglia di consumare 2 - 3 litri di liquidi sotto forma di acqua, tisane, brodi, centrifugati di frutta e/o verdura. Si consiglia di bere soprattutto fra un pasto e l'altro.
2. Si consiglia di arricchire la dieta con alimenti ricchi di sodio e
potassio per prevenire la disidratazione: spremute, centrifugati (non i frullati) di frutta e verdura, banane, patate, brodi vegetali .
Per l'aggiunta di integratori salini chiedere alle dietiste o all'enterostomista . In estate e durante esercizi fisici si consiglia di aumentare la quantità di liquidi.
3. Limitare cibi ricchi di grassi: carni grasse, pesci grassi, formaggi molto grassi, salumi grassi, cibi fritti, brodo di carne grasso.
4. Si consigliano preparazioni semplici e poco condite. Scegliere dei metodi di cottura “più leggeri” come al vapore, la bollitura, alla griglia, al forno, al cartoccio, preferendo i grassi vegetali crudi (olio d'oliva, meglio extra vergine, di girasole, di mais, di soia) e limitando i grassi animali ( burro)
5. Si consiglia di non abbandonare ed escludere alcuni alimenti
dalla dieta, ma, in base alla propria tollerabilità, di introdurre un
alimento alla volta e di verificarne l'effetto sulla digestione, l'assorbimento e l'eliminazione.
6. Si consiglia di evitare gli alimenti che aumentano la velocità del
transito intestinale che possono anche essere causa di ostruzione


ALIMENTI CHE AUMENTANO LA VELOCITÀ DEL TRANSITO INTESTINALE
•Pasta, riso e prodotti da forno integrale
•Frutta: ananas, cachi, ciliegie,castagne, fichi, frutti di bosco,frutta
secca, kiwi, pere, nespole, prugne, susine, buccia e semi della frutta
•Verdura: cruda, legumi, carciofi, melanzane, cavolo, radicchio rosso,
barbabietola, finocchi, asparagi, funghi, porri, sedano, rape,
catalogna
latte e formaggi freschi: leggi sotto

LATTE e yogurt

Eliminare il latte, sia quello intero che parzialmente o totalmente scremato, fresco o a lunga conservazione, con lattosio o senza.
Reintrodurre lo yogurt da latte magro gradualmente in piccole quantità, a temperatura ambiente

PASTA
Utilizzare: pasta preferibilmente di piccolo formato, riso, semolino, creme di cereali (i cereali sotto forma di creme risultano più digeribili) polenta morbida.
Preferire la cottura al dente in quanto più digeribile.
Escludere: pasta e riso integrale, primi piatti elaborati.
Condimento: pomodoro fresco passato, olio extravergine
d'oliva e/o burro preferibilmente crudi, brodo vegetale o di carne magro sgrassato o di dado senza glutammato.

PANE
Utilizzare: pane comune tostato, cracker e grissini senza
grassi ( all'acqua ), fette biscottate.
Escludere: pane all'olio, al latte, condito, cracker e grissini
conditi, focacce, prodotti integrali, la mollica del pane in
quanto è poco digeribile.


CARNE
Utilizzare: agnello, capretto, cavallo, coniglio, faraona,
maiale, manzo, pollo, tacchino, vitello nelle parti più magre e private di grasso visibile.
La carne deve essere magra, poco fibrosa e preferibilmente tritata per rendere più facile la digestione.
Escludere: carni grasse e frattaglie (cuore, fegato, milza,
polmoni, rognone, trippa).
Cottura: preferire le cotture senza grassi (ferri, vapore,
cartoccio, lessatura, griglia ).
PESCE Utilizzare: tutti questi tipi di pesce, freschi o surgelati:
cernia, dentice, halibut, luccio, merluzzo, nasello, merluzzo,
orata, palombo, razza, rombo, scorfano, salmone,
sogliola, sgombro, tinca, tonno fresco, trota.
Escludere: anguilla e capitone, carpa, triglia, aringhe.
Evitare molluschi e crostacei.
Cottura: vedi carne.

FORMAGGIO
Utilizzare:grana e parmigiano
Sconsigliati: formaggi freschi (crescenza, fior di latte, mozzarella, quartirolo, ricotta, stracchino), molto grassi, piccanti (mascarpone, gorgonzola, pecorino, ecc.).

SALUMI e insaccati

Utilizzare: prosciutto cotto, crudo (privati del grasso visibile)
bresaola , fesa di tacchino; Preferibilmente tritati o pestati
a coltello.
Escludere: altri salumi ed insaccati (salame, sopressa,
coppa, mortadella, salsicce, cotechini, wurstel).

UOVA
Utilizzare: max 2 uova alla settimana.
Cottura: senza grassi. Risultano più digeribili alla coque, in
camicia o cotte nei tegamini antiaderenti.

VERDURA
Le verdure risultano più digeribili cotte e passate a purea.
Utilizzare: inizialmente preferire patate e carote sotto forma di purea e le verdure crude centrifugate; a seconda della tolleranza individuale passare a verdure più tenere, meno fibrose e meno indigeste, a piccoli pezzi o tritate : zucchine, pomodori senza buccia e semi, cuori di insalata tenera
Sconsigliata: verdura fibrosa ed indigesta come asparagi,
finocchi, catalogna, peperoni, cetrioli, melanzane, funghi,
legumi (piselli, fagioli, ceci, lenticchie, cicerchie, fave e
taccole).

FRUTTA

Utilizzare: inizialmente spremute di frutta ben filtrate o
centrifugate; successivamente frutta cotta o in purea
senza buccia e semi, mele e banane.
Consumare la frutta preferibilmente lontano dai pasti.
Escludere: frutta acerba, castagne, frutta secca,
sciroppata, candita, disidratata.

GRASSI e CONDIMENTI
Utilizzare: olio di oliva (meglio extra vergine), olio di semi di
mais, girasole, di soia,di vinaccioli, preferibilmente a crudo sulle pietanze.
Saltuariamente: l'utilizzo di burro crudo (10 g di olio = 10 g di burro).
Escludere: margarina, lardo, strutto, oli di semi vari,panna,
salse.

BEVANDE
Utilizzare: acqua naturale o minerale leggermente gassata, tisane, orzo, camomilla, tè e caffè leggeri in modiche quantità, sono meglio tollerati se assunti con biscotti o pane o fette biscottate. Bere a piccoli sorsi.
Limitare: Vino. Solo se ben tollerato, utilizzare vini leggeri in piccole quantità e durante il pasto
Escludere: aperitivi, digestivi, sciroppi, alcolici e superalcolici, distillati

DOLCIUMI
Utilizzare: zucchero, miele, marmellata, biscotti secchi,
amaretti e dolci semplici fatti in casa in modeste quantità.
Escludere: cacao, cioccolato, torte e dolci farciti con
creme, panna e/o liquori, gelato e sorbetti.


VARIE
Escludere: cibi piccanti, molto speziati, droghe, aceto,
salse (maionese, salsa tonnata, tartara,.....), alimenti sott'
olio e in salamoia, brodi grassi di carne.
•Cibi molto grassi: carni e pesci grassi, panna, formaggi grassi, salumi
grassi, brodo grasso, cibi fritti
•Latte intero, panna
•Carni dure e fibrose
•Dolci molto zuccherini e grassi
•Alcolici (vino, birra, spumante, ecc.)
•Caffè in quantità abbondanti
•Bevande gassate, molto calde o fredde
•Liquirizia e gomme da masticare
•Cioccolato
•Brodi grassi di carne
•Spezie

7. Si consiglia di evitare gli alimenti responsabili della formazione di
gas e cattivi odori : leggi sotto
.


RESPONSABILI DI FORMAZIONE DI GAS E CATTIVI ODORI
•Legumi: lenticchie, fagioli, fave, ceci, soia, piselli (comunque vietati)
•Pesce fritto e molto grasso ( anguilla, capitone )
•Carni grasse affumicate
•Pane e pasta poco cotti
•Spezie ( peperoncino, pepe, senape, curry..)
•Bevande gassate
•Birra e superalcolici
•Gomma da masticare
•Alcune verdure: cavolo, cavolfiore, cavoletti di Bruxelles, crauti,
rafano, broccolo, aglio, cipolla, scalogno, porri, funghi, asparagi,
finocchi, cetrioli, rape, ravanelli, peperoni, sedano
•Alcuni frutti: anguria, melone, avocado, castagne, frutta secca ( noci,
nocciole, ecc.)
•Uova
•Grassi animali
•Panna montata, frappè e frullati
•Dolcificanti artificiali (sorbitolo)

8. È importante introdurre alimenti con azione antiodore:- succo di mirtillo
- yogurt
- prezzemolo
- tisane alla menta, al finocchio o all'anice stellato

9. Per diminuire la formazione di gas può essere utile:•Evitare di coricarsi dopo aver mangiato in quanto la posizione
orizzontale può interferire con la normale eruttazione dell'aria
contenuta nello stomaco e aumenta la possibilità che il gas passi
nel duodeno.
•Praticare regolarmente dell'esercizio fisico purchè non intenso o
che vada ad interessare i muscoli addominali, si consiglia di
camminare.
•Evitare lo stress

10. Masticare lentamente e bene per favorire i processi digestivi ed
evitare o ridurre il rischio di ostruzione della stomia
.

11. Frazionare i pasti durante l'arco della giornata (colazione -
spuntino a ½ mattina - pranzo - spuntino a ½ pomeriggio - cena ) per
favorire la digestione, tenere sotto controllo la motilità intestinale e
diminuire la formazione di gas nell'intestino.
Non saltare i pasti in quanto ci può essere un aumento del gas se
l'intestino è vuoto. Per ridurre le feci notturne si consiglia di consumare
un pasto serale moderato.

12. Si consiglia di non aumentare eccessivamente di peso per non
danneggiare la funzionalità della stomia.

13. Evitare cibi e bevande troppo caldi o troppo freddi per prevenire un
aumento della peristalsi intestinale.

14. Si consiglia di compilare un “diario alimentare” per indicare la
tolleranza ai vari alimenti e bevande.

15. Porre attenzione all'assunzione di compresse gastroresistenti: nelle
ileostomie, pasticche dure e capsule, si potrebbero ritrovare nel
sacchetto. E' opportuno chiedere al medico o all'enterostomista se si
possono schiacciare.

IMPORTANTE
Queste indicazioni sono di carattere “generale”,
non sostituiscono uno schema dietetico personalizzato che in taluni casi
potrebbe rendersi necessario, in particolare con pazienti affetti da diabete,
patologie renali, celiachia, intolleranze o allergie a vari alimenti.
In questo caso si può contattare il servizio dietetico.



Potrebbero interessarti anche:

Archivio blog