domenica 28 maggio 2017

TI ODIO

Dedicata a te, nuova amica mia. La tua storia mi è rimasta impressa come il tuo nuovo bellissimo e significativo tatuaggio, ed ho pensato di scriverla. Ti auguro, con il cuore, di trovare la pace che meriti...

Ieri, un brivido peccaminoso si scioglieva lungo la mia schiena ogni volta che ti vedevo. Ieri, la mia vita era un manuale di autodeterminazione e forza di volontà. Decifravo ogni oggetto che mi apparteneva con la semplice parola ego. Ieri, detenevo un'autostima così alta da farne una mania di grandezza. Mi piacevo, punto. Mi stimavo. Compravo i pantaloni a palazzo, le maglie extra large  e le infradito color cobalto, come una brava ragazza normale; il bikini striminzito, il tacco a spillo e la minigonna ascellare, come una meno brava ragazza normale. Ma mi piacevo.
Mi ingessavo nel tubino nero assassino o in un tailleur d'ordinanza, a seconda della serata che mi proponevi. E insieme percorrevamo strade lastricate da un vecchio pavè mano nella mano, e sognavamo palazzi che cambiano pelle ogni mese. Per far finta di essere sempre in posti diversi. Poi arrivò quel giorno.
Tu stanchissimo, salivi in macchina a tastoni. Io mi trovavo sul sedile passeggero e avevo una strana sensazione. Eri cupo, avevi gli occhi stanchi, e ti avevo chiesto se preferivi che guidassi io. Mi guardavi sbieco, come per sottolineare la mia solita esuberanza e cocciutaggine. Volevi guidare tu. Io insistevo ma tu eri sordo.
Litigammo.
Avrei voluto rimanere a terra o salire con Gigi, nel suo macinino scassato. Invece scelsi la tua insistenza, il tuo baffetto stiloso e l'amore che in fondo provavo per te.
Sei uscito di strada, là su quel rettilineo maledetto della Via Commerciale e non ti sei fatto nulla, neanche un graffio né  un giorno di ricovero in ospedale, ma hai distrutto la mia vita per un colpo di sonno.
Le gambe incastrate sul cruscotto facevano presagire il peggio. I vigili del fuoco hanno lavorato due ore per estrarmi viva. Dovrei essere grata per questo, invece la rabbia mi corrode ancora oggi dentro al petto come soda caustica. Mi infanga come in una palude. Oh, certo, mi adatto alla nuova condizione, ma senza mai averla accettata.  Ho perso l'uso di una gamba e le vertebre schiacciate mi procurano un dolore allucinante. Ogni santo giorno e ogni santo momento questo dolore mi ricorda la tua stupida incoscienza. E' un dolore che non passerà mai. E' una morsa d'acciaio che mi schiaccia, un fuoco che mi brucia. Lo attenuo con la morfina e altri oppiacei. Ti odio.
E' un dolore che non mi fa respirare e che blocca il mio intestino e altri apparati. Blocca le mie emozioni, da dieci lunghissimi anni ormai.  Questo odio ha appannato ogni brivido peccaminoso, cancellato il mio amore per te, paralizzato tutte le mie facoltà.
E oggi, che sono ricoverata per l'ennesima volta e i medici non sanno più che fare, io mi piego dai dolori mentre penso alla tua morte. Il cancro ti ha ucciso per caso, una sera, quando meno te l'aspettavi, come tu hai ucciso me. L'hai accettato in silenzio, forse per il senso di colpa che non ti ha mai abbandonato o perché è stato per te una consolazione. Non avresti sopportato di vivere al posto mio.
Allora ripercorro quella sera distruttiva e questi anni di "non vita". Guardo fuori dalla finestra e lo dico alla mia vicina di letto che voglio farcela, cercare qualche surrogato di consolazione, una cura. Glielo dico alla mia nuova amica che voglio riappropriarmi dei miei pensieri con prepotenza ed essere felice; tornare a guardare l'alba accendere il cielo di turchese, sporcarmi di baci, e altro, molto altro ancora...

Stomie complicate

I PROBLEMI DELLE STOMIE

Cerchi una specialista del pavimento pelvico nella tua città ? O vuoi far parte del G.I.T.E.R.P. ?

Cerchi una specialista del pavimento pelvico nella tua città ? O vuoi far parte del G.I.T.E.R.P. ?
clicca sulla foto

Post più popolari

LE PASSIONI SI COLTIVANO COME LE ROSE, E TU SEI LA MIA

VINCERE UN PREMIO LETTERARIO

TEATRO ACCADEMICO: CONFERENZA SUL TUMORE DELLA PROSTATA

i video di pelvicstom

Loading...

QUESTO E' IL PERCHE' DELL'AMORE PER IL MIO LAVORO

VI SPIEGO PERCHE' LE DONNE (NON) FANNO GLI ESERCIZI PER IL PAVIMENTO PELVICO

A te, dagli occhi color fiordaliso

Aiutami a distruggerti

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE

LILT , CONOSCERE PER VIVERE

Il post del mese

Intervista a Fanni Guidolin ideatrice del blog Pelvicstom

Invia il tuo indirizzo mail per essere sempre aggiornato sui nuovi post

UN BEBE' SOTTO AL SACCHETTO

Clicca qui per conoscere i prossimi eventi di AISCAM

Cammina con noi! Il cancro non ci ferma

Walk With Aiscam !

Oggi non stai bene? Guarda noi !

Vorrei quell'abbraccio

Guarda i video

Infermieristicamente

tu non mi tradirai mai

Un seno esagerato e una vita da ricostruire

"Oggi Treviso" parla di noi !

Sai cos'è il prolasso mucoso ?

Pavimento Pelvico: chi è a rischio ?

Il manuale

IO STOMIZZATA, AD UN CONCORSO DI BELLEZZA

Post più popolari

HABEMUS CORPUS

28 Gennaio 2017: Sessualità senza tabù

FESTA AISCAM 2016

I post più letti negli ultimi 30 giorni

Pelvicstom e'

Capire il pavimento pelvico e la stomia. Il primo sito medico scientifico facile facile. Per tutti.
Se vuoi, Cerca anche la pagina Facebook Pelvicstom e clicca mi piace!

RABBIA

J-pouch e complicanze

Post più popolari

Teatro Accademico: conferenza sul cancro del colon retto

GUARDA I VIDEO DI PELVICSTOM SU YOU TUBE

FUMAVO

AIUTO, HO LA VESCICA IPERATTIVA

A TE, CHE GUARDI IL MONDO SOLO CON I TUOI OCCHI

VINCERE UNA BORSA DI STUDIO

Pelvicstom page on Facebook

11 consigli per chi affronta quel mostro

E su "Oggi Treviso..."

Da Venezia: un grazie enorme e carico di potere

Gli articoli più' cliccati

Il pavimento pelvico, questo sconosciuto

Le palline della Gheisha

Fanni Guidolin e Pelvicstom

Mi sono innamorata del dottore che mi cura

Glutei da top?

La mia Adolescenza Scolorita

La mia Adolescenza Scolorita
(In foto: Anita Rubin)

Uomo e Prostata

L'APPARENZA INGANNA