domenica 8 gennaio 2017

Voci invisibili come il vento, in una straordinaria corsia

Sedeva rannicchiato di fronte alla colonna del porticato, laggiù davanti ad una delle boutique più grandi del centro.
Castelfranco alle sette e mezza di sera brulicava di persone in tutte le direzioni. I negozi si stavano svuotando e la gente con buste di carta e plastica per gli acquisti appena compiuti, camminava spedita per il freddo gelido.
Indossava tre grossi giubbottoni e un paio di guanti scuciti. I pantaloni erano di freddo jeans e un paio occhiali gli cadeva sulla punta del naso, già bluastra.
Era il solito clochard che incontro tutte le mattine fuori dall'ospedale, seduto sulla scalinata della vecchia entrata, con un bicchiere di plastica in mano, per chiedere l'elemosina.
Aveva gli occhi piccoli piccoli "il mio amico". Tondi e attoniti sul volto pallido reso arguto dal naso aquilino e prominente.  Le labbra screpolate dal freddo non gli impedivano di sorridere. Il labbro inferiore era sporgente tanto da nascondere il mento piccolo e stretto. Me lo regalò ampio e sentito un suo sorriso che stirò perfino le rughe sulla fronte. Ieri sera mi pareva ancora più invecchiato, più stempiato e imbolsito. La pelle del suo volto era coperta di lentiggini che facevano pensare ad una spruzzata di pepe sulla purea di patate. Si cingeva le ginocchia con le braccia
Avrà poco più di cinquant'anni quel povero uomo. Mai un'insistenza. Lui i dipendenti ospedalieri li conosce tutti. Li aspetta là fuori, tutti i santi giorni, per pochi spiccioli chissà, se per un pò di vino dal sapore cartonato o per un caldo panino.
Quanto sarebbe bello che ci fosse un posto per ogni cosa e che ogni cosa fosse al suo posto.
"Ciao doctoressa", mi dsse.
Guardarlo dall'alto lo faceva sembrare ancora più piccolo.
Mi chinai di fronte a lui, per guardarlo negli occhi e capire meglio ciò che mi stava dicendo. Appoggiai le borse dello shopping appena dietro di me. Quasi mi vergognavo di aver speso tutti quei soldi in un pomeriggio intero.
"Sto male tucte le matine. Solo la matina. Io alzare e vomitare, alzare e vomitare. Solo matina. E cacare, scusa parola doctoressa, cacare sangue".
Rimasi senza parole.
Era la prima volta che un clochard mi fermava per strada sotto al gelido porticato del Corso XXIX Aprile per chiedermi assistenza sanitaria.
Scorreva ripetutamente i palmi guantati sui jeans. Forse per scaldare le mani, forse per l'imbarazzo, o forse semplicemente per la paura di morire.
Ed è sempre alla sera che spesso, sopraggiunge la paura della morte, perchè legata a quella "morte temporanea" intesa come assenza di sè, che è il sonno.
Non smettevo di ascoltarlo pur nella morsa del freddo. Mia figlia, accanto a me, batteva i denti, ma non mi incitava ad andare via. Anche lei lo ascoltava basita.
L'ho invitato a recarsi in ospedale, l'indomani mattina, se fosse stato male male, spiegandogli che se non è un cittadino regolare, può richiedere il tesserino recante il codice STP (straniero temporaneamente presente), al pronto soccorso. Nessuno lo avrebbe denunciato.
La frase gli rimbalzò dentro ...Non credo avesse capito. La mia voce sembrava invisibile, come il vento. Ne percepisci la presenza solo perchè ti scompiglia i capelli o muove le foglie degli alberi. E lui mi ascoltava solo perchè ero là davanti a lui, a sforzarmi di capire le sue richieste.
Mi guardava con gli occhi sbarrati sbattendo di tanto in tanto le palpebre, per scongelare gli occhi. La penombra dei negozi che stavano per chiudere ammantava ogni cosa colorando di tristezza quell'angolo. Il tremito delle mie dita mi fece decidere di andare via.
Raccolsi le buste degli acquisti e presi mia figlia sottobraccio.
Quanta ingiustizia.



Stomie complicate

I PROBLEMI DELLE STOMIE

Post più popolari

LE PASSIONI SI COLTIVANO COME LE ROSE, E TU SEI LA MIA

VINCERE UN PREMIO LETTERARIO

i video di pelvicstom

Loading...

QUESTO E' IL PERCHE' DELL'AMORE PER IL MIO LAVORO

SALVASLIP CHE BUSINESS

A te, dagli occhi color fiordaliso

Aiutami a distruggerti

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE

LILT , CONOSCERE PER VIVERE

Il post del mese

Intervista a Fanni Guidolin ideatrice del blog Pelvicstom

Invia il tuo indirizzo mail per essere sempre aggiornato sui nuovi post

UN BEBE' SOTTO AL SACCHETTO

Clicca qui per conoscere i prossimi eventi di AISCAM

Cammina con noi! Il cancro non ci ferma

Walk With Aiscam !

Oggi non stai bene? Guarda noi !

Vorrei quell'abbraccio

Guarda i video

Infermieristicamente

tu non mi tradirai mai

Un seno esagerato e una vita da ricostruire

"Oggi Treviso" parla di noi !

Sai cos'è il prolasso mucoso ?

Pavimento Pelvico: chi è a rischio ?

Il manuale

IO STOMIZZATA, AD UN CONCORSO DI BELLEZZA

Post più popolari

HABEMUS CORPUS

Scegli e clicca qui

28 Gennaio 2017: Sessualità senza tabù

FESTA AISCAM 2016

I post più letti negli ultimi 30 giorni

Pelvicstom e'

Capire il pavimento pelvico e la stomia. Il primo sito medico scientifico facile facile. Per tutti.
Se vuoi, Cerca anche la pagina Facebook Pelvicstom e clicca mi piace!

RABBIA

J-pouch e complicanze

Post più popolari

Teatro Accademico: conferenza sul cancro del colon retto

GUARDA I VIDEO DI PELVICSTOM SU YOU TUBE

FUMAVO

AIUTO, HO LA VESCICA IPERATTIVA

A TE, CHE GUARDI IL MONDO SOLO CON I TUOI OCCHI

VINCERE UNA BORSA DI STUDIO

Pelvicstom page on Facebook

11 consigli per chi affronta quel mostro

E su "Oggi Treviso..."

Da Venezia: un grazie enorme e carico di potere

Gli articoli più' cliccati

Il pavimento pelvico, questo sconosciuto

Le palline della Gheisha

Fanni Guidolin e Pelvicstom

Mi sono innamorata del dottore che mi cura

Glutei da top?

La mia Adolescenza Scolorita

La mia Adolescenza Scolorita
(In foto: Anita Rubin)

Uomo e Prostata

L'APPARENZA INGANNA